Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 22 luglio 2014

Un'estate al mare

Che qui non se ne può più.
E' un continuo passare dai 37 gradi della giornata soleggiata ai 19 gradi delle piogge e forti temporali nel giro di un amen.
Che c'ho un'età e c'ho bisogno di stabilità, di un minimo di sicurezza ambientale, perbacco.
Quindi me ne vo, anche quest'anno torno a ballare in Puglia.
Che come si balla laggiù, non succede da nessun'altra parte.
Buone vacanze!

8 commenti:

  1. ciao biondina. In Puglia? Andrò da quelle parti ai primi di agosto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ma quali parti? Che la Puglia mica è tanto piccola.
      Comunque io il cellulare ce l'ho dietro.
      Ci sentiamo?

      Elimina
  2. certo che SI. Ti rivelo la zona... Canosa e dintorni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io nei contorni di Taranto...ma già lo sapevi!

      Elimina
  3. > passare dai 37 gradi della giornata soleggiata ai 19 gradi delle piogge e forti temporali nel giro di un amen

    L'estate fresca e dinamica che io.. sogno da sempre! :)

    RispondiElimina
  4. sono arrivata sul blog per caso, ma quando ho visto la citazione di Boll non ho potuto fare a meno di leggere un po' di post :)

    io sono salentina, e mai come quest'anno, il primo lontano da Lecce, mi manca il mio mare, i miei cibi, e gli ulivi delle campagne. buona Puglia a voi!

    RispondiElimina
  5. "che come si balla laggiù..." si appunto... lassèm pèrd :-D
    Buone vacanze.

    RispondiElimina