Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

sabato 28 gennaio 2017

Siamo donne


Di noi si è scritto di tutto e il contrario di tutto.
Oltre le gambe c'è di più, non sempre, aggiungerei.
Sono in modalità "vi odio tutte"
La nostra incapacità di esserci complici mi disorienta.
Invero, la capacità di provare gelosia per coloro che, con fatica spesso, riescono ad affermarsi, mi fa incazzare.
Non esiste volta in cui accettiamo con piacere la presenza di un altro elemento femminile che entri a far parte della sfera delle nostre conoscenze.
Perché chissà cosa vuole quella, che c'è venuta a fare in mezzo a noi?
E che cazzo pensi che sia venuta a fare o testina  che giusto giusto le gambe puoi vantarti di avere?
Emarginate dalla nostra stessa razza.
Che tristezza.
Le cose che invidio ai maschi sono diventate due: poter pisciare in piedi e la capacità di un pensiero semplice e lineare.
Essere donna in un mondo di donne stronze, ti porta inevitabilmente ad adattarti e diventare peggio.
E' sopravvivenza.
Nient'altro.


4 commenti:

  1. sorrido.
    è proprio che la donna è la prima nemica delle donne.
    massimolegnani (orearovescio.wp)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio così....una tristezza assoluta

      Elimina
  2. Si cerca complicità e invece si trova complicazione... non dico competizione, smettiamola di usare termini "sportivi" per coprire la pura e semplice stronzaggine.

    RispondiElimina
  3. Bene. Controcorrente e non mielosa. Obiettiva nel conntesto di oggi, però scrivendo così dimostri di possedere una marcia in più. Io sono tornato ( si fa per dire), eri sul mio blogroll e volevo che lo sapessi.
    Emarginate dalla nostra stessa razza è frase di una durezza e di una verità abissale, te lo scrive un maschio.

    RispondiElimina