Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

giovedì 31 dicembre 2009

Stereotipi


Quest'anno di merda finisce con oggi. Come dicevo ad un'amica, ci sono anni che spero si allontanino da me il più velocemente possibile, pur rendendomi conto che il primo gennaio non è altro che il giorno dopo il 31 dicembre. Ciononostante m’illudo che spariscano o cadano nel dimenticatoio. Nessun rimorso e nessuna malinconia. Anzi. Forse con la speranza che domani, che può essere pure dopodomani o dopo ancora, sia migliore. Che ci va poco, chiariamolo. Che mica è così vero che il destino lo indirizziamo noi. Col cazzo. Lui fa quello che vuole e ci porta dove decide, infiaschiandosene delle nostre priorità e dei nostri bisogni. Ciò detto:
Che sia una fine splendida e un inizio meraviglioso....un po' troppo banale vero?
Passatevela bene e pace e amore per tutti... tanto non ci sarà pace e amore per tutti! Mettetela in culo al mondo e al destino se non vi piace... Io, ci proverò!

10 commenti:

  1. quello che chiami destino e che io chiamo "il caso" è influenzato dalla nostra volontà solo per una piccola parte, esattamente quella che cerca di farsi spazio tra le volontà altrui e tra tutto ciò che non è nè previsto nè prevedibile ma è solo, appunto, casuale. Non sono mai stata capace a far bilanci di fine anno, sempre alle prese con conti che non tornano, riesco più facilmente a guardare avanti, per quanta nebbia possa vedere. E dire ancora e sempre : sono viva. Questo festeggio al compleanno,ogni nuovo anno, dei miei anni.
    Il resto è nulla, di cui al post precedente.
    Seguono abboccamenti.

    RispondiElimina
  2. Io ho smesso di fare bilanci.
    Non tanto per quello che è stato che è palese, ma per quello che potrebbe essere.
    Che poi ci resto male, puntualmente le mie speranze vengono disattese.
    E allora fanculo al mondo.
    Vedrò di dare un colpo al cerchio ed uno alla botte e di riuscire a dire che si, sono viva, ma anche che la mia vita mi soddisfa!

    RispondiElimina
  3. ...bah sarà che sono un inguaribile insoddisfatto ma proprio non mi riesce di dare un colpo al cerchio e uno alla botte, o di tenere botte piena e moglie ubriaca : botti spaccate dunque e fiumi di spumante a travolgerci e mogli tutte ubriache a gambe all'aria.

    RispondiElimina
  4. Non credo nel caso. Credo che in fondo in fondo siamo sempre noi che abbiamo mosso qualcosa o non l'abbiamo mossa. Questo mi permette di credere che le cose possono cambiare. Anche in meglio, qualche volta. Ed è quello che ti auguro. Di sporcarti le mani di grasso e di far ripartire il motore che adesso è al minimo. Un abbraccio, amica mia.

    RispondiElimina
  5. in effetti...caricare di aspettative l'anno che verrà è poco saggio. Alla fine le cose andranno come cazzo vogliono...quindi è bene vivere come diceva il buon Dom Toretto:
    "Vivo la mia vita un quarto di miglio alla volta, non mi importa di nient'altro... per quei dieci secondi sono libero."

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  7. è il mondo che ce lo mette nel culo e ci fa un male cane. Casualità e azioni umane sono come due pezzi di pongo, uno bianco e l'altro nero. Li pastrugni insieme, esce fuori il grigio. Il grigio è un colore perfetto. Che dire, i luoghi comuni si sprecano. Del 2010 non mi aspetto proprio un bel niente. I rimpianti mi attanagliano e io non devo fare altro che sparare le ultime cartucce. Buon anno Ale. Ti voglio bene

    RispondiElimina
  8. A_I
    Se c'è una cosa che non devi temere... è che certi anni non si allontanino velocemente da Te...
    lo scorrere del Tempo è l'unica fregatura di questa Vita... salvo le fregate che ci fanno sentir meglio (non mi riferisco alle navi e soprattutto "personalmente" agli uccelli...ehhh
    beh sicuramente alle passere si:-)))

    A parte gli scherzi
    Buon Anno di Cuore
    A_I
    Bacio
    ed in culo
    al destino

    RispondiElimina
  9. Amica cara, io penso che ormai abbiamo speso ogni speranza, il nostro dovere l'abbiamo fatto! Ormai ci siamo guadagnati il lusso di non dover più pregare alcun Dio sordo. Qualsiasi cosa arriverà non l'avremo elemosinata da nessuno, tanto meno dal destino. Questo è il mio parere. Buona Vita!

    RispondiElimina
  10. Forse e meglio sperare che disperare poi un giorno tanto non ci ricordera nessuno,,allora forse e meglio sorridere..fregandocene.
    Che l'anno nuovo sia con te.
    Maurizio

    RispondiElimina