Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

domenica 30 gennaio 2011

Zombie


Tu arrivi e giudichi.
Non mi conosci e giudichi.
Non sai niente di me e giudichi.
Come se fossi un libro aperto.
Credi di sapermi leggere la mente, il cuore, il culo.
Ho righe sulla faccia, solchi.
Se riuscissi a passarci la puntina di un giradischi potrebbero raccontarti cose.
Le mie cose, quelle che non sai, quelle che non vedi.
Quelle che non saprai mai, che non vedrai mai.
Cieco, sordo, muto.
Ti fermi all'apparenza di una lacrima finta, di un sorriso irriverente.
Sollevi il sopracciglio con l'aria compiaciuta di chi porta con sè le sue verità.
Potrei smentirti, romperti il muso e gli occhi.
Farti rotolare sulle tue certezze e massacrarti il cervello.
Confondere il tuo ego e rinchiuderti in un pozzo pieno di merda, se volessi.
Se solo volessi.

34 commenti:

  1. Appena lo vedo gli dico questo!
    Grazie del suggerimento....
    Fomenti la mia rabbia! Grazie, mi fa bene!

    RispondiElimina
  2. Bella, in realtà fomento la mia.
    Diglielo e fammi sapere che reazione ha avuto!

    RispondiElimina
  3. Voglilo, una buona volta! Scaricalo, sto scazzo cosmico.

    RispondiElimina
  4. ecco__ c'ha lo scazzo cosmico e sempre noi a farne le spese :(
    e il bello è che lo sai!!! che è tutta una roba che è nella testa !
    sù, sù___ :)) dai, noi qui ti vogliamo bene e soprattutto mai ti contraddirremmo!!!
    cioccolatino? corretto rum? ____ :))

    RispondiElimina
  5. Ale, in reltà ogni tanto mi si scatenano rabbie indirizzate verso più persone, ed ad ognuna indirizzo i miei percorsi di scazzo!

    RispondiElimina
  6. Macs, uno di questi giorni leggerete su qualche giornale che ho aggredito uno che mentre guidava ha cercato d'investirmi mentre attraversavo sulle striscie pedonali!!!

    RispondiElimina
  7. teti, e ce lo so.
    Mica per nulla mi sfogo qui, perchè so di avere la vostra comprensione!

    RispondiElimina
  8. il pozzo pieno di merda fa troppo "the ring" :I

    RispondiElimina
  9. Dai, volessitelo. Almeno il pozzo pieno di merda potrebbe puzzare meno!
    Lo scazzo cosmico gira sempre e colpisce in ordine sparso perché non ci vede un cazzo, oggi a te, domani a me! Bau

    RispondiElimina
  10. Facili giudizi per persone "facili"
    Non ti ci vedo a confrontarti/scontrarti con la banalità

    RispondiElimina
  11. grrrrrrrrrrrrr come ti capisco! poi bastano quattro paroline dolci, dette al momento giusto...e puff...tutto questo "disprezzo" giustificatissimo,sparisce!!!(che poi,spesso,c'azzecca pure....il bastardo!)

    RispondiElimina
  12. ne è pieno il mondo di gente così...e come le malattie...se le conosci...le eviti! sorriso

    RispondiElimina
  13. ma è un uomo l'oggetto di tanto rancore? io non credo... piuttosto è tutto l'insieme. ma tu stai facendo il possibile e lo sai. :)))

    RispondiElimina
  14. c'hai lo scazzo alla risposta !! fai bene a dirne 4 chiunque esso sia...

    RispondiElimina
  15. Jules, non mi piacciono i film d'orrore.
    Quindi se me lo dici tu, mi fido!

    RispondiElimina
  16. Cagnaccio, oggi a te?
    A me mica è passato!

    RispondiElimina
  17. Monsieur, è molto di più.
    E' una sensazione di svuotamento.

    RispondiElimina
  18. Emma, ci sono occasioni, in cui non bastano parole di nessun genere.
    Io sono di una bontà e una pazienza infinita, ma quando chiudo certe porte, lo faccio a doppia mandata.
    Anche tripla, se ci sta.

    RispondiElimina
  19. Acqua, persone e situazioni.
    Da evitare come la peste.
    Assolutamente.

    RispondiElimina
  20. keel, no, nessun uomo.
    Hai capito perfettamente.
    Non so se sto facendo abbastanza.
    So che oggi mi sento 102 anni.
    Du cojoni!

    RispondiElimina
  21. Aitor, ultimamente, c'ho lo scazzo pure alla domanda!

    RispondiElimina
  22. il super-io è sempre un po' stronzo
    ma friabile come un gessetto

    RispondiElimina
  23. oceano, la quantità della stronzaggine è proporzionale alla qualità dell'io.
    I gessi mi piaceva consumarli su vecchie lavagne.
    Li smussavo perchè detestavo il loro rumore gracchiante.
    Mi faceva salire una dolorosa pelle d'oca.
    Una vibrazione fortissima che partiva dai piedi e mi moriva nel cervello.
    Bruciandolo.

    RispondiElimina
  24. mamma mia, perchè sei così arrabbiata? cosa ti ha fatto? massacragli il cervello, pozzo pieno di merda...molto molto arrabbiata. io non riesco a pensare queste cose quando sono arrabbiata. mi farei del male.

    RispondiElimina
  25. Rouge, io riesco a pensare questo e molto altro quando sono incazzata di quell'incazzo che non è evidente agli occhi di chi guarda.
    E' una sorta d'intolleranza verso ogni cosa che mi sta intorno.
    Un'allergia, un virus.
    Tutto questo è il mio vaccino.

    RispondiElimina
  26. ho risposto.
    In periodi come questo faccio altro e mi allontano, dal blog, dalle cose e anche da me

    RispondiElimina
  27. Carissima,ti propongo una frase di uno dei miei personaggi preferiti:"Il passato è storia,il futuro un mistero,ma oggi..oggi è un dono,per questo si chiama presente."

    RispondiElimina
  28. Come adoro giudicare e, dopo mesi/anni, riconoscere di avere ragione!!
    Non ha prezzo...

    RispondiElimina
  29. Ale, di frasi fatte ne ho a bizzeffe.
    Ma quando sto così mi sminchiano.
    Grazie per averci provato.

    RispondiElimina
  30. Ragnetto, il giudizio è come quando uno legge i tarocchi, varia al variare delle intenzioni!
    I tuoi sono pronostici, mica giudizi!

    RispondiElimina