Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 22 febbraio 2011

Cocaine


Che poi certe volte la vita somiglia ad una cantilena.
Si ripete e si ripete, una nenia prevista e prevedibile.
Guarda me, per esempio, ogni mattina mi alzo, faccio colazione, sigaretta-cesso che l'una stimola l'attività nell'altro, invio di 10 -15 - 25 - 82 curriculum che già sai non avranno seguito, blogsss, post se sono in vena e tutto il resto del giorno, il nulla.
Concretamente dico.
Che se fossi ricca me ne sbatterei il cazzo e mi starebbe benissimo, ma siccome non lo sono, le mie ansie crescono esponenzialmente all'abbassamento delle mie finanze.
Per fare la puttana, la escort, la velina o la ministra, è tardi.
Non ho saputo sfruttare i miei anni migliori e solo ora rimpiango di non essere scesa a compromessi che, in fondo se valutati rispetto a quelli di oggi, non sarebbero stati così disdicevoli.
Ora, visto che come ladra non avrei speranze, dal momento che è rimasto ben poco da rubare stando in basso, ho pensato che potrei improvvisarmi spacciatrice, di cocaina pensavo, quella per i ricchi intendo, quella per chi ne usa e abusa.
Che voglio dire, l'onestà in tutte le sue forme se l'è presa nel culo in tutti i modi possibili e l'unica via sembra essere diventata quella di farsi furbi.
Più furbi degli altri e con sempre meno scrupoli.
Insomma, l'unico modo è diventare antitesi di se stessi, valutare la nuova prospettiva e farsela piacere.
E vaffanculo pure all'etica!

40 commenti:

  1. Sono indignata! Indignata dal fatto che: diamo asilo politico e lavoro a chi arriva da fuori. diamo un lavoro agli ex detenuti, ex tossici, ex troie, ex insomma che poi dubito che siano veramente ex. E gli altri? quelli onesti intendo? quelli che aspettative hanno? mi gira il cazzo per te e con te...che poi domani potrei tenerti compagnia chissà.

    RispondiElimina
  2. Come darti torto? Io sto addirittura pensando non solo allo spaccio ma anche al mio stesso consumo :-P e non avevo MAI ipotizzato né una cosa né l'altra, figurati! (un caffè, cara, tra l'altro, uno di questi giorni?...)

    RispondiElimina
  3. Posso unirmi al club?..io pensavo di coltivare Cannabis..tanto ho il diploma di perito agrario,percui concimi e pesticidi professionali li posso comprare.
    In un paese dove persino coltivare il tabacco è illegale almeno così guadagno!

    RispondiElimina
  4. Fanculo all'etica di sicuro però spacciando si va in galera, non si riesce ad arrivare sani e salvi alla fine...

    RispondiElimina
  5. Keel, hai dimenticato gli ex brigatisti e gli ex bancarottari fraudolenti, che godono di posti di lavoro.
    Ci sono poi i detenuti, quelli non ex con i permessi premio e un lavoro pagato.
    Non un servizio sociale gratuito, ma retribuito.
    E mi gira il cazzo talmente tanto che mi sollevo da terra per il vortice d'aria che produce!

    RispondiElimina
  6. Minerva, io sono troppo cagasotto per assorbire droghe di qualsiasi genere.
    Caffè quando vuoi...
    Purtroppo per me, ho tutto il tempo che voglio.
    Dimmi dove e quando!

    RispondiElimina
  7. Ale, ma conosci il processo di produzione della cannabis?
    Minchia, ci va un sacco di energia elettrica e comunque il lavoro che da, non rende quanto dovrebbe.
    Se ti specializzi in coca, ci mettiamo in società!

    RispondiElimina
  8. Ragnetto, la galera significa vitto, alloggio e lavoro sicuri!
    Gratis!

    RispondiElimina
  9. Guarda ci ho pensato pure io ma temo che mi beccherebbero dopo 5 minuti e, seppure è vero che la galera significa vitto alloggio e lavoro sicuri, credo che significhi anche diventare la fidanzata di un energumeno peloso e magari preferisco rimanere onesto alla fine.

    RispondiElimina
  10. Ho il tuo stesso problema....E se insieme facciamo una rapina stile "Ocean's eleven"?!

    RispondiElimina
  11. posso dubitare del fatto che ti verrebbe difficile divenire l'antitesi di te stessa e di tutto quello che sei stata finora? a parte questo hai perfettamente ragione...viviamo in un paese dove se non hai qualcuno che conta in famiglia...non ti spetta nulla, ne casa ne lavoro...che schifo!

    RispondiElimina
  12. mia mamma da piccola mi diceva che quelle che facevano le "escort" (all'epoca si chiamavano baldracche) erano signore che non avevano voglia di andare a farsi il mazzo in fabbrica....adesso non c'è più neanche il posto in fabbrica, quindi tante alternative non ne vedo. ti abbraccio.

    RispondiElimina
  13. Trovo assolutamente giusto e condivido appieno tutto quello che hai scritto. Se inizio a drogarmi, la compro da te.

    RispondiElimina
  14. Arturo, in quanto femmina non ho bisogno di temere di diventare la fidanzata di un energumeno.
    Potrebbe capitarmi una lesbica camionista (che io piaccio alle lesbiche eppure di femminile non c'ho neppure l'unghia del dito mignolo del piede, e quindi devo ancora spiegare a me stessa cosa mai possa attrarle) cosa che, tutto sommato, potrebbe anche essere interessante sotto il profilo della conoscenza.
    Che mica puoi dire a prescindere che una cosa non ti piace, almeno fino a quando uno non l'abbia provata e, sicuramente, mi intimidisce meno di una sniffata di coccoina.
    Io ci provo...
    Se mi va male e in gabbia mi fanno usare un pc, vi aggiornerò!

    RispondiElimina
  15. Violet, e questa cosa si che mi piacerebbe assai.
    E se va bene potremmo anche fare il twelve, e se ancora va bene, proseguire fino a farci uscire i soldi dagli occhi.
    Tienti pronta, che organizzo un gruppo di sfigate disposte a unirsi!

    RispondiElimina
  16. Acqua, dici che diventare l'antitesi di se, è più semplice di quanto s'immagini?
    Ecco, io non ho nessuno che conta quindi mi barcameno tra la speranza e la perdizione.
    Che due coglioni!

    RispondiElimina
  17. Squili, sei dei nostri.
    A prescindere!

    RispondiElimina
  18. polly Valentina, non ti confondere.
    Le baldracche sono quelle che stanno al freddo, per strada, con il bel bidonazzo acceso per scaldarsi, spesso sono obbligate e si pagano poco, le escort sono lussuose, care, scelgono la propria clientela e la loro è una libera scelta.
    Il fine è lo stesso, è il modo che cambia.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  19. evaso, vedi?
    Dovessi mai cominciare sai anche a chi rivolgerti.
    Comincio quasi a sentirmi necessaria in questa veste...

    RispondiElimina
  20. I tuoi pensieri sfiorano molti, fanculo l'etica, non ci si mangia ed è sempre più difficile tirare avanti, senza sbocchi e la vita che si ripete simile a se stessa.
    Eppure ricordando i sorrisi dei molti in molti Paesi più poveri, che sorridono più spesso di quanto ho visto fare per le nostre strade, eppure è molto più difficile campare, spesso ti rispondono: perché sono vivo.

    RispondiElimina
  21. @MADAME
    tutti hanno "diritto" a ricominciare, tutti hanno diritto ad una nuova vita, tutti hanno diritto al lavoro e poi ci sono attività che solo gli extracomunitari sono disposti a fare.

    @pollywantsacracker
    Io faccio la baldracca (come dici tu) ma ho sempre lavorato, per pochi soldi, poi un bel giorno mi sono rotta le palle. Quindi smentisco il fattoche le "baldracche" siano pigre... almeno in passato, alcune, si sono date da fare in un lavoro normale.

    Comunque si! tutto sommato dico anche io
    FANCULO L'ETICA!

    RispondiElimina
  22. Emma, ci conto.. ti prendo in parola.
    Siamo quasi una banda, sappiate che si dividerà equamente!

    RispondiElimina
  23. Cavaliere, ognuno prende spunto da quanto possiede.
    Per me, che sono nata in un paese ricco e che dovrebbe darmi delle prospettive, una finestra aperta sul futuro, non è una vita dignitosa.
    Certo, potrei pensare a chi sta peggio e sentirmi fortunata, ma tendenzialmente penso a chi sta meglio e mi fa sentire una perfetta sfigata.

    RispondiElimina
  24. Bella, il tuo discorso democratico, sarebbe corretto se prima di dare il diritto di ricominciare a chi si è macchiato di delitti ignobili, fosse data la stessa opportunità a chi ha sempre lavorato onestamente e in egual misura si è comportato.
    A me fa girare il cazzo che vengano privilegiati individui che non sono neppure degni di appartenere alla razza umana perchè disumani essi stessi.
    Sugli extracomunitari, non discuto.
    Per quanto riguarda il tuo lavoro, sai bene che non ho mai espresso giudizi e che ti voglio bene perchè sei una bella persona.

    RispondiElimina
  25. Monsieur, nulla di che, una cosa da mandare a quel paese senza voltarsi indietro!!

    RispondiElimina
  26. Ma non mi riferisco a quelli che si sono macchiati di delitti ignobili, ovvio che pedofili & company anche per me non sono degni di esistere. Li castrerei se potessi!
    Lo so che su di me non hai mai avuto NESSUN PREGIUDIZIO, infatti rispondevo a pollywantsacracker.
    Hai mai pensato al gioco? Potresti diventare una giocatrice di poker professionista....oppure assaporare il brivido della roulette! Dai che Las vegas ti aspetta! ;-) se vai fammi un fischio che vengo anche io... mi allargo nel settore e mi metto a fare la lap dance!!!

    RispondiElimina
  27. Viviamo come in un eterno déjà vu purtroppo, la storia si ripete ed è sempre la stessa. Comincio a pensare davvero che l'umanità non si meriti niente di (molto) meglio.

    RispondiElimina
  28. Nessun problema! sono pronta da una vita! E di sfigate/i che vogliono unirsi ne conosco tanti,più o meno tutti i miei amici!!

    RispondiElimina
  29. Ma si che poi, è già da parecchio che la sodomia (from and to) non è più un reato... Eh!

    RispondiElimina
  30. @belladigiorno: guarda, io non ho mai pensato che le prostitute siano pigre. Anzi, credo che vendere il corpo sia un lavoraccio! Parlavo di questa cosa che mi diceva mia madre da piccola e la collegavo al discorso del posto in fabbrica, che una volta c'era e ora non c'è più manco quello. Tutto qui.

    RispondiElimina
  31. Mah...io sono un libero professionista che insegue da sempre il pareggio mensile. Non c'è più esattamente da 11 anni. Vedo dai commenti che comunque la voglia di intraprendere un'attività a molti di voi non è passata: a me invece sì. Io non ho voglia di fare niente, più niente...fra un po' mi passerà anche lo sfizio di scrivere sul blog.

    RispondiElimina
  32. Profilina, invece io ritengo che l'umanità meriterebbe molto di più di questi bassi profili che stiamo diventando.

    RispondiElimina
  33. Violet, non esageriamo però.
    Più siamo più c'è da spartire.
    Insomma, che anche gli altri s'inventino qualcosa da fare, mica posso pensare a tutti!
    :)

    RispondiElimina
  34. issohard, direi da sempre.
    Una volta era una roba normale, poi è diventata un peccato, poi è stata sdoganata nuovamente.
    E' che siamo eterni indecisi su qualsiasi cosa!
    (maaaa, sei mica una mia amica incollata ad un nuovo nick?)

    RispondiElimina
  35. Enzo, vacci piano.
    Questo è un tipo d'imprenditoria nella quale non ci sono capitali da investire ma da sottrarre.
    Dopo si diventa professionisti e ricchi.
    Non smettere di scrivere finchè ti saranno offerti degli spunti, dei confronti.
    Scrivere e confrontarsi tiene viva anche una mente alla deriva...

    RispondiElimina
  36. Si. il Nick è nuovo e l'amica è vecchia :D Antica direi ;)
    Che occhio.. non mi deludi mai!!!! :D

    RispondiElimina