Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

lunedì 6 giugno 2011

If you don't know me by now


A volte si domandava come si sarebbe comportata se fosse stata un uomo.
Immaginava cosa avrebbe fatto in quella circostanza.
S'immaginava essere un maschio capace di sorprendere, di stupire.
Non che come donna non ne sarebbe stata capace, ma per vissuti e convenzioni era abituata ad aspettare il primo passo dall'altra parte.


Lo sapeva che gli uomini sono restii a manifestare i propri sentimenti quando ne hanno.
Sembrano quasi anaffettivi,  incapaci di cogliere i segnali, anche quelli più evidenti.
O forse è solo indifferenza voluta.
Allora davvero avrebbe voluto sapere come sarebbe stata lei, uomo.
Sarebbe voluta entrare in quell'universo strano e capire quali sono i meccanismi, quali le paure, riuscire a pensare con la stessa semplicità di cui sono capaci.
Avrebbe voluto avere quella capacità che hanno di scopare e sparire, di dimenticare tanto in fretta visi che gli hanno goduto sulla faccia.
In fondo, voleva solo capire se avere un cazzo è davvero così diverso da possedere una figa.


27 commenti:

  1. Ecco, appunto... secondo me è tutto più facile!

    RispondiElimina
  2. è proprio una di quelle domande che io non mi sono mai fatta.....sopratutto perchè non vorrei mai e poi mai essere maschio.....
    sai io non credo che sia più facile.....
    anch'io a volte ho scopato degli uomini e me ne sono dimenticata subito.....
    anch'io a volte mi sono accorta di essere indifferente...di non capire e non cogliere i segnali.....
    forse è la mia parte maschile che emerge...non so...
    Sono però abbastanza convinta che avere un cazzo è cosa alquanto ingombrante e non facile da gestire....avevo fatto anche un post tempo fa magari lo ripubblico...

    RispondiElimina
  3. Invece a me piacerebbe riuscire ad entrare nei loro meccanismi almeno una volta.
    Non so se infine ne sarei entusiasta ma finchè uno non è dentro le situazioni non lo può sapere.
    Sarà anche difficile da gestire, ma non lo è anche una figa?
    Siamo sottoposte a giudizi imprescindibili dal nostro atteggiamento.
    Ogni parte ha i suoi pro e i suoi contro.
    Io ne conosco solo una...vorrei vedere come sarebbe dall'altra.

    RispondiElimina
  4. Socialmente parlando purtroppo, ma questo forse più in Italia che altrove, avere una figa comporta pregiudizi e sofferenza.
    Sessualmente parlando invece la figa ti permette di essere molto più potente...anche se può sembrare il contrario...
    Del resto non si può comprendere cosa prova un maschio se non lo si è per nascita e ciò è determinato dall'educazione più che da una predisposizione naturale.....Non ho certezze però...solo supposizioni...

    RispondiElimina
  5. Con permesso:
    si in effetti è difficile davvero da gestire.
    Quando scopri come funziona,scopri anche che non sempre trovi chi lo vuole.
    Poi le dimensioni,sempre li a compararsi ad attori di film porno,o con gli amici.
    Lo svegliarsi tutte le mattine con quel coso che tira,ma sopratutto scoprire che il 95% delle donne non lo farebbe come te (possessore di quell'appendice) ad ogni piè sospinto.
    E poi l'angoscia di non farla venire,che non fuzioni.
    Questo solo a livello fisico;a quello mentale c'è tutto un ginepraio di preconcetti e immagini da mantenere,convinto che se non sei macho (o sufficentemente ricco in Italia) non te la dia.
    Credo che la condizione femminile sia moltopiù forte anche per il fatto che siete voi a scegliere :)

    RispondiElimina
  6. concordo con le tue supposizioni.
    Nella prossima vita nascerò maschio, ti cercherò e ti dirò com'è davvero.
    Giusto per non lasciare all'immaginario e avere ulteriori certezze o smentite!

    RispondiElimina
  7. Ale, questo fatto che siamo noi a scegliere mi sa che è diventato un luogo comune.
    Le persone si scelgono insieme tra loro.
    Mi pare di capire che la vostra sia una questione pratica, fisica mentre la nostra è più cerebrale.
    Mondi opposti che si attraggono...anche se non proprio sempre...

    RispondiElimina
  8. A volte ho sognato di essere uomo e di avere il pisello.... come posso spiegarti sembrava veramente che sentissi di averlo. Sicuramente sono ricordi di una vita passata in cui lo sono stata.
    Se fossi uomo comunque sarei un criminale!

    RispondiElimina
  9. io mi domando come potrei comportarmi se fossi un fungo, o una pianta... reputo importante che il cervello sia in sintonia con il corpo, perchè doverli considerare distintamente?

    RispondiElimina
  10. E perché mai involvere fino allo stato maschile?
    Trattasi di sottospecie. Almeno per ora.

    RispondiElimina
  11. Bella, io paradossalmente, sarei l'ultimo dei romantici...cosa che da donna non sono!

    RispondiElimina
  12. demian, perchè sono due cose distinte.
    il cuore, il corpo, il cervello, non è detto che siano in sintonia.
    Anzi, spesso non lo sono affatto.

    RispondiElimina
  13. euri, perchè un po' d'involuzione rende la vita più semplice

    RispondiElimina
  14. Se fossi nata uomo non avrei mai compreso dove termina il cazzo e comincia il cuore. Già faccio casino ora con gli "attributi" che ho.. [bacio]

    RispondiElimina
  15. amore:paradossalmente non saresti l'ultimo, ne conosco un paio, uno non viene creduto, l'altro povera creatura adolescente è oggetto di derisione proprio dalle fanciulle a cui la sua Dulcinea ha raccontato dei fiori e delle poesie.
    Ciao
    Ah! dimenticavo, le radici del cazzo affondano nel cuore.

    RispondiElimina
  16. Nast, idem come sopra, anche se credo che non mi sarei fatta scrupoli ad usarlo senza ritegno alcuno!!!!
    Baci

    RispondiElimina
  17. Giovanni, potrei raccontarti dei mille amori mentali vissuti dalle donne, delle serate in attesa, dell'orecchio attaccato al telefono nella speranza che arrivi quella telefonata.

    Forse bisognerebbe avere entrambi così le radici del cazzo potrebbero affondare dentro un cuore ed una figa simultaneamente!

    RispondiElimina
  18. Ma sai che non ci ho mai nemmeno pensato a sta cosa?
    uhmm ma no, non credo proprio vorrei provare, ma nemmeno per un millesimo di secondo :D

    RispondiElimina
  19. Io sono sempre più convinto che più passa il tempo e più le differenze si appiattiscono. E che l'unico confronto sia tra le bestie e le persone.
    E lì, mi dispiace ma di possibilità di contatto sano ce ne sono poche.

    RispondiElimina
  20. Noir, non vorresti conoscere la differenza?
    Sapere e capire cosa è meglio?
    Io questa curiosità ce l'ho!

    RispondiElimina
  21. Pensa che io la vedo al contrario. Si vede che sarò una donna mancata che incontra anaffettivi uomini mancati.

    RispondiElimina
  22. 46, mi stai dicendo che nella tua vita hai conosciuto solo uomme?

    RispondiElimina
  23. "riuscire a pensare con la stessa semplicità di cui sono capaci"...questo è un errore di interpretazione che le donne fanno troppo spesso...e a volte è proprio quello che le mette culo a terra

    RispondiElimina