Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 23 agosto 2011

My Immortal

Ero di schiena quando mi hai sparato appena sotto il lobo sinistro dell'orecchio.
Non ho sentito dolore, ricordo solo la caduta e quel senso di vuoto e il nero che si affacciava agli occhi tra mille sfumature di grigio sempre più prepotenti.
Ho avuto appena il tempo di pensare che morire non fa così male e che smettere di esistere era solo questione di un attimo.
Mi ha sorpresa riaprire gli occhi e capire di essere viva, con quel proiettile conficcato nella carne, a vista, come un brufolo tignoso e purulento.
Ho preso i suoi contorni tra le dita e l'ho estratto con delicatezza.
Chinata sul lavandino perdevo miscugli di sangue e cervello.
Ma ero viva o almeno lo credevo.
Sono salita sulla vespa cinquanta special e, piegando disperatamente ad ogni curva sfidando la gravità, sono venuta a cercarti.
Volevo ucciderti a mia volta, tagliandoti la testa a colpi di morsi.
Sempre che potessi sopravvivere nel vedermi avanzare verso te.
Si temono i morti più dei vivi, su questo contavo mentre, con calma, razionalizzavo la mia vendetta.


26 commenti:

  1. Questo è un gran bel delirio. Qui ci vuole una sacchettata di carezze. M'inchino davanti alla vespa 50, ricordo di gioventù.

    RispondiElimina
  2. Non so perché, ma mi ricorda che mi spavento sempre quando mi accorgo che il destino mi dorme accanto. [io tornata e tu pulp. bacio ]

    RispondiElimina
  3. I vivi sono terribilmente peggiori degli spettri.
    Staccargli la testa a morsi non è una vendetta sufficientemente cattiva!

    RispondiElimina
  4. nonsò, ma grazie.
    Qui ci vorrebbe uno psicologo bravo a mio avviso, che certi sogni fan riflettere!
    M'inchino anch'io, se poi fosse color carta da zucchero, mi prostro proprio!

    RispondiElimina
  5. Only, in che senso?
    No, perchè si presta ad una doppia interpretazione:
    a) fa schifo
    b) non trovo le parole perchè va bene così.
    Che la prima annienterebbe la mia autostima, la seconda l'accrescerebbe.
    Capisci che trattasi di dubbio plausibile.
    :)

    RispondiElimina
  6. Naaaast, mia adorata amora.
    Il destino ti vive addosso.
    Tu pensi solo che ti sia accanto, ma non è altro che un parassita...come un'orchidea!

    RispondiElimina
  7. euri, concordo.
    Ma come mai se di notte ti aggiri per le piazze non sei spaventata mentre se ti aggiri nei pressi di un cimitero ti sale un brivido ignoto?
    Potere della letteratura...

    RispondiElimina
  8. quindi sei te che hai scritto la canzone dei lunapop!!! solo con un buco in testa, in effetti....

    RispondiElimina
  9. Prostratevi sotto la finestra che arriva la secchiata.

    RispondiElimina
  10. alpe, mi hai sgamata.
    Solo che non prendo diritti d'autore porca di una paletta porca!

    RispondiElimina
  11. nonsò, prostrata sono.
    Sono pronta, versate pure!

    RispondiElimina
  12. Uno dei milleduecentocinquanta libri che ho letto in vacanza parlava di omicidi fatti sparando proprio sotto il lobo sinistro dell'orecchio. Ma non sopravviveva nessuno. Potrai capire quanto sono contento di sapere che tu rappresenti un'eccezione! :)

    RispondiElimina
  13. Macs, nessuno di quelli che ho letto io era così trucido.
    E' che c'ho questa maledetta voglia di vivere addosso...
    :)

    RispondiElimina
  14. secondo me i diritti di quel pezzo li' ce li ha la Piaggio.

    RispondiElimina
  15. ..a volte non basta morire..
    Maurizio

    Cartatadiresche.blogspot

    anonimo per caso

    RispondiElimina
  16. Fredda, la vendetta. Mi raccomando.

    7

    RispondiElimina
  17. A me fa paura solo chi esiste. I morti pare non siano molto veloci.

    RispondiElimina
  18. alpe, secondo me pure.
    Ah, ti ho mai detto che il mio secondo nome è Vespa?
    :)))

    RispondiElimina
  19. nonsò, meglio di un bagno rilassante!
    Grazie!

    RispondiElimina
  20. Maurizio anonimo per caso, già ma a volte non basta neppure vivere...

    RispondiElimina
  21. 7, la vendetta, come dice il proverbio e i proverbi hanno quella saggezza meravigliosa, è un piatto che va consumato freddo.
    Una vera vendetta va pianificata.
    Quindi più che fredda, freddissima!

    RispondiElimina
  22. evaso, dipende dal morto!
    A me personalmente non fanno paura.
    I vivi comincio a tollerarli sempre meno!

    RispondiElimina