Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 3 gennaio 2012

What happens tomorrow


Tutta questa serie di paradossi, mi sta destabilizzando.
La classe politica continua a farsi bellamente i cazzi suoi, mentre a noi, comuni mortali, si continuano a chiedere sacrifici indecorosi.
Un'offesa per la dignità dell'uomo.
Continuano ad arrivare avvertimenti ad equitalia che continua a vessare i soliti noti.
Nessuno si è chiesto quali siano i motivi che portano a tali azioni più o meno condivisibili.

Sarà perchè si conoscono già?
Io, disoccupata, per frequentare un corso con il contributo della regione, devo avere una serie di requisiti che saranno stabiliti dal centro per l'impiego di Torino.
Sarebbe garantita la gratuità solo nel caso fossi in mobilità o appartenessi alle categorie protette.
Se non dovessero rilasciarmi il voucher, sarei costretta a pagare cinquecento euro e, quindi, dovrei rinunciare.
Quindi io che non lavoro, devo rientrare in una serie di parametri, mentre chi percepisce un'indennità di mobilità o è disabile e non importa in quale percentuale, rientra di default.
Una guerra tra poveri!
Se uno dei requisiti dovesse essere la simpatia, sono fottuta in partenza.

18 commenti:

  1. Già fatto un giro simile mia cara...avrei dovuto pagare io alla fine.

    RispondiElimina
  2. Al contrario, bastasse la simpatia saresti già a posto. E' la mancanza di calcio che ti frega. Il calcio in culo. Non in vendita nelle migliori farmacie.

    RispondiElimina
  3. Di paradossi di questo genere ne vedo e ne vivo (non sono mica una fanciullina!) ogni giorno. Parametri, schemi, unioni, ghetti... mi sa che non siamo mai usciti dal Medioevo.

    RispondiElimina
  4. Quoto Euridice Mia. Sprofonderemo nell'anno mille, forse già ci siamo. Ma siamo o non siamo maestri nell'arramgiarci. Mi piace l'etichetta Vaffanculo, posso fregartela?

    RispondiElimina
  5. Ale, difatti.
    Oggi sono andata a chiedere informazioni e mi è stato risposto che i fondi sono finiti da un pezzo.
    E non aggiungo altro perchè dovrei bestemmiare e non rientra tra i miei pregi!

    RispondiElimina
  6. Macs, solo perchè mi vuoi bene, ma mi odiano in tanti, soprattutto chi non mi conosce!

    RispondiElimina
  7. euri, è un'inversione di tendenza.
    Mi sento uno schifo!

    RispondiElimina
  8. lunario, prendila pure e fanne buon uso!

    RispondiElimina
  9. "mi odiano in tanti, soprattutto chi non mi conosce"...
    Amore, perchè dici questo?

    RispondiElimina
  10. Ma con l'Amore che porti in nome...come si può anche solo "immaginare" di odiarti? ;)
    Riguardo ai corsi con contributi regionali, non aggiungo nulla nemmeno io perchè sennò altro che bestemmie...

    RispondiElimina
  11. Ehi, potresti istituire tu un corso di sopravvivenza finanziato dalla Regione! Sopravvivenza al giramento di balle, s'intende! :)

    RispondiElimina
  12. Marina Abramovich non ha questi problemi. Forse ne ha altri. Ma chi non ne ha?

    RispondiElimina
  13. Riccardo, perchè la gente è abituata a giudicare a prescindere e spesso sono vittima di questi giudizi gratuiti.

    RispondiElimina
  14. Giuseppe, il nome è una copertura!!!
    :)

    RispondiElimina
  15. Macs, non credo che mi assumerebbero.
    Non riesco neppure a fare la commessa!

    RispondiElimina
  16. Riccardo, grazie.
    Ero impegnata a volteggiare tra i tetti.

    RispondiElimina
  17. Lorenzo, io dico sempre che i propri problemi sono per ognuno problemi grandissimi.
    Ognuno ha i suoi!
    Giust'appunto

    RispondiElimina