Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

giovedì 3 gennaio 2013

Siam tre piccoli porcellin

Ecco, veramente in testa ho mille idee e mille pensieri, ma se mi metto lì e cerco di trasporli, non esce niente.
Anche questa frase m'è costata uno sforzo sinaptico non indifferente.
Dovrei lasciar perdere, aspettare l'ispirazione o l'inspirazione e poi espirare.
Come il lupo dei tre porcellini.
Soffiare a mille all'ora fottutissime parole che ora non ci sono.
E che a volte uso a sproposito.
Me lo dice sempre mia mamma che prima di parlare dovrei contare fino a dieci.
E prima di scrivere?
Fino a quanto si deve arrivare?

16 commenti:

  1. io prima di scrivere butto sullo schermo bianco tre o quattro parole che ho voglia di utilizzare. parto dalle parole e vedo quali immagini mi creano nel cervello, poi piano piano ne arriva una che quel giorno mi piace più delle altre, e via... prima che questo succeda posso contare anche sino a cento. Buon anno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma davvero?
      Ci devo provare, hai visto mai!
      Buon anno Giorgia

      Elimina
  2. eh no eh! Se bisogna anche pensare prima di scrivere...sono rovinata! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va beh, per te facciamo un'eccezione!

      Elimina
    2. lo so che quando voglio sono amorevole.
      Ma non farci l'abitudine!

      Elimina
  3. Già, te li vedi i miei neuroni superstiti, Robinson Crusoe & Venerdì, che elaborano qualcosa di lontanamente simile a un concetto elementare?
    naaaaaaa...
    Vado a cazzella e quel che viene viene. :O)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno i tuoi son due e possono raccontarsi barzellette e fingere di divertirsi!
      Sentissi Mono, quanto mi rompe le palle che s'annoia!

      Elimina
    2. Eh, ma quando avrà smaltito i postumi di pandoro e spumante vedrai che razza d'ispirazione ti farà arrivare...dagli qualche giorno di tempo! :)

      Elimina
    3. Ha la ciucca triste.
      Sono giorni che piange e vomita parole ad cazzum dentro il mio cranio!

      Elimina
  4. A me i post più belli vengono mentre guido, ma non è che mi fermo e me li appunto, no, mi dico: "tanto mi ricordo e stasera con calma scrivo". Ecco, la maggior parte delle volte poi non ricordo nemmeno a quale categoria (animale, vegetale, minerale) apparteneva l'argomento di cui volevo trattare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me mentre sto per farmi avvinghiare dalle braccia di Morfeo.
      E penso la stessa cosa, che tanto me lo ricorderò ecc.ecc.
      Certo, come no!

      Elimina
  5. Io scrivo solo quando mi manca l'aria se non lo faccio... ma mi rendo conto che scrivo parole confuse che mi esplodono in testa e non sono una scrittrice purtroppo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non sono le più belle?
      Quelle che zompettano in testa senza connessione, quelle che anche solo per averle pensate, te ne saranno grate per sempre.
      Siamo tutti scrittori.
      Non di successo, ma lo siamo.

      Elimina