Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

sabato 16 febbraio 2013

Se potessi avere mille lire al mese

Non faccio che leggere ovunque, di quanto dovrebbero vergognarsi Fabio Fazio e Luciana Littizzetto per le cifre che prendono per presentare il festivalone.
Si dice che "è un'offesa alla povertà, in questo periodo di crisi questi soldi pubblici era meglio darli alle regioni colpite dal terremoto"
Oppure  che "è un'offesa per chi fatica ad arrivare a fine mese".
Ma che davvero ci dovevano pensare loro?
Ora, io trovo molto più offensivi i politici che fanno le elezioni con i finanziamenti pubblici e che oltretutto si stipendiano con cifre sbalorditive, trovo offensive  le società di calcio che ingaggiano calciatori con cifre che risanerebbero le finanze di qualsiasi stato.
Trovo offensivo chi ha intascato i soldi che sarebbero serviti alla ricostruzione delle province colpite dal terremoto.
Ma non trovo altrettanto offensivo che una persona venga pagata per svolgere il suo lavoro.
Che voglio vedere chi di noi avrebbe rinunciato.
Se ti offrissero di fare il tuo  lavoro per 300.000 euro, che faresti?
Firmeresti  o ti faresti venire le crisi di coscienza?
Brutta bestia l'invidia.

22 commenti:

  1. e poi comunque con pochi secondi pubblicità, ottenuti grazie al loro lavoro, quei 300.000 euro sono già recuperati. e tutto il resto se lo intascano i dirigenti rai che stanno a fare un cacchio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, proprio pochi secondi non direi, visto che verso fine serata l'hanno fatta all'incirca ogni 3 minuti.
      Comunque l'hanno recuperati eccome.

      Elimina
  2. E' sempre la vecchia storia della volpe e dell'uva...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anfatti.
      p.s. maaaaaa hai chiuso l'ambaradan...perchè?

      Elimina
    2. Sì, da qualche settimana...

      Elimina
  3. E' perchè sono una coppia non berlusconiana nè destroversa, ragion per cui DEVE immancabilmente scattare il clima di indignazione generale legato alle suddette cifre...le quali forse sarebbero state perfettamente giustificate -o comunque non così contestate- in caso di conduttori di altra origine politica (e considerando in primis questo aspetto sarà anche eccessivo riduzionismo il mio, ma ricordo ancora quando Gasparri in persona gridava alla vergogna nei confronti di Benigni sempre per questioni di cachet, guarda caso...). La solita vecchia storia :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La contestazione l'ho letta prevalentemente nelle aree di sinistra.
      Quelle legate alla nostalgia operaia dell'uguaglianza.
      Forse proprio quelle che ancora non si sono rese conto che le cose sono un po' cambiate, che non esistono più una destra e una sinistra serie e antagoniste, ma solo un'accozzaglia di gente che cerca il potere e il soldi sulla nostra pelle.
      Cutugno, l'altra sera aveva nostalgia della vecchia URSS, io ho nostalgia di Politici come Berlinguer e Almirante.

      Elimina
    2. Riguardo a quel tipo di nostalgia operaia, ecco, e senza passare per reazionario...credo che determinate aree oggi potrebbero anche fare a meno di interpretarla ancora secondo un'equazione sommaria del tipo sinistra=dignitosa povertà (nè mi risulta che Berlinguer abbia mai preteso qualcosa del genere...bei tempi quando si confrontava con Almirante) altrimenti la moderna lotta operaia rischia di continuare a scegliersi il nemico sbagliato, magari facendo pure favori al nemico vero.

      Elimina
  4. è perchè nel mio immaginario li pagano coi soldi del mio "abbonamento".
    Ora se la tassa sul possesso di un apparato atto alla ricezione di immagini televisive fosse distribuito a tutti gli emettitori di segnali, mi potrebbe anche andare bene.
    poichè invece la tassa è gestita in regime di monopolio per un servizio che nemmeno mi soddisfa ed usufruisco pochissimo, lo scandalo non è nel compenso agli artisti, che lo meritano.
    lo scandalo è che li spendano in quel modo, anzichè farmi vedere quello che voglio vedere.
    che si sappia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che vuoi vedere tu non è detto che sia la stessa cosa che vuole vedere un altro abbonato, che s'inviperirebbe (nota la sottigliezza!) per i tuoi identici motivi ma per la visione di tutt'altro.
      Io credo che l'abbonamento sia un furto a prescindere, dal momento che mi si propina pubblicità come se piovesse.
      Perchè posso accettarla dalle reti private che con quella si sovvenzionano, ma non da una televisione pubblica che mi rompe il cazzo perfino nei telegiornali per ricordarmi di pagare una tassa iniqua.

      Elimina
  5. Ma io soldi a Fazio non ne darei per principio, è già tanto che gli permettono di mostrare la sua faccia in televisione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo trovo professionale e bravo.
      Ancora di più, perchè, pur non essendo un adone, ha saputo affermarsi nel mondo patinato della tivvù.

      Elimina
  6. non è vergognoso prendere certe cifre ma lo è offrirle...
    ma resta il fatto che chi vive in quella maniera non può fare il moralizatore di nessun cazzo.
    e fazio è uno zerbino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo.
      Ma nello stesso momento in cui vengono offerte, uno sarebbe un pazzo a rifiutarle.

      Elimina
  7. SIIII SIIIIII HA RAGIONE!!!!! (Urlo perchè cazzo, è una grande verità...)

    RispondiElimina
  8. Vecchia storia, solita storia: I dubbi etici nascono solo quando si è in gran parte col culo per terra, se invece, per logica e decenza, una cosa è palesemente ingiusta ma riguarda una porzione esigua della popolazione in tal caso non fa rumore nè notizia.
    E' ovvio che se ti offrono 300mila euro per dire quattro scemenze quattro accanto a Fazio e non hai per fortuna nemmeno il bisogno di essere una strafiga, le accetti: lo farebbe chiunque. Ma da anni in Italia quella cifra un operaio, un ragazzo che ha studiato e lavoricchia, una donna con figli a carico, un pensionato etc etc ci mettono tre vite a incassarla. Adesso si nota perchè la miseria ha aggredito il ceto medio e basso, adeso fa più male perchè dai pulpiti( anche da sinistra) scende in continuazione la predica dei sacrifici, della misura, dell'Europa, dei patrimoni ...
    Adesso è veramente indigeribile anche il trendy Fazio e la spiritosissima Luciana. Infatti non la digeriamo più nessuno, sono certa nemmeno tu che secondo me sei più simpatica e grintosa della Littizzetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me la Litti, è sempre piaciuta.
      Fin da tempi non sospetti.
      Da "Minchia Sabbry" per intenderci.
      Ha lavorato sulla sua carriera, e l'ha fatto mantenendo (o comunque fingendo benissimo di farlo) una spontaneità che non è solito vedere in certe trasmissioni.
      E' quella che quando parla, ti fa annuire, perchè dice quello che avresti detto nel medesimo istante per la medesima cosa.
      Io sono simpatica come uno stuzzicadente piantato in una gengiva..
      Sulla grinta, non si discute!

      Elimina