Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

giovedì 6 maggio 2010

Going Under


Mi sento fuori luogo, fuori sincrono, inadeguata e scoglionata in ogni cosa che faccio.
Ma non per quello che dico.
La mia salvezza è appesa al 50% della possibilità di aver sempre e comunque qualcosa da dire.
Il fare mi ha scassato i maroni.
E poi non serve.
Osservi indietro, nella penombra, vedi lo specchio di te che ti guarda con la stessa aria perplessa, in silenzio per attimi eterni e poi improvvisa l'eplosione, tu e il tuo riflesso vi scambiate parolacce che rimbalzano da una bocca all'altra, che cercano il punto debole per scaraventare addosso la ferita mortale.
Dura lotta, quella interiore.
Non vince mai nessuno.

7 commenti:

  1. No, non vince mai nessuno!
    Ci si sente inadeguati, ma i problema non sta fuori, è dentro! Si è inadeguati per se stessi...
    Il "fare"? E chi l'ha mai conosciuto... giocolieri di parole... parole, frasi, discorsi... Un'emorragia di discorsi!
    Post bellissimo... mi ci rivedo, ma ormai lo sai... mi sa che ci capiamo!

    RispondiElimina
  2. oggi, da qualche parte, ho scritto: ho i pensieri logorroici..
    pensa te...
    il fare poi...boh...faccio e disfo...vedi un po' tu!

    RispondiElimina
  3. A me gli specchi non piacciono. O forse non piacciono perchè non mi piaccio io. Ammazza che commento, eh? Se lo leggeva Freud ci faceva due palle come un cocomero. Meno male che è morto, và. No dai, scherzo.

    RispondiElimina
  4. Alle volte non bastiamo a noi stessi. E siamo per noi stessi giudici troppo severi, troppo di parte. E' per quello che ci innamoriamo. Non so se ho reso l'idea.

    RispondiElimina
  5. siamo più feroci di qualsiasi altra bestia feroce .... ed è dura lotta all'ultimo morso!

    RispondiElimina