Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

domenica 23 maggio 2010

Panic


Ma voi lo sapete cos'è un attacco di panico?
No, non dal punto di vista medico che quelle sono tutte teorie.
Cos'è viverlo, sentirlo salire dal nulla, avvertire quello stato di disagio, magari mentre non stai facendo un cazzo, addirittura mentre stai dormendo.
Bene, se non lo sapete ve lo racconto io.
L'attacco di panico è vivere perennemente con una boccetta di ansiolitico nella borsa, è svegliarsi con un senso di agitazione addosso, è diventare ipocondriaci e vedere in ogni sintomo un presagio di morte imminente.
E' tremare e sudare come se avessi addosso una pelliccia sotto un sole a picco e 50 gradi all'ombra, è sentire il cuore impazzire (e mica per un'emozione, sarebbe troppo facile) è non riuscire a respirare.
Ma più di tutto il resto, è la paura della paura di sentirlo arrivare.
Il bastardo ti prende quando sei apparentemente tranquillo anche se è chiaro che il tuo corpo ti trasmette tutt'altro.
Dopo aver fatto fuori una boccetta intera di Xanax (in 3 mesi mica in una volta sola) ora cerco una mediazione tra me e me.
Avverto i segnali e cerco di eluderli, cerco di essere più forte e di non lasciarmi andare, maschero i sintomi e faccio di tutto per avere su di loro il sopravvento senza fare uso della chimica neanche come supporto.
A volte ci riesco, a volte apro la borsa e ciuccio avidamente dalla boccetta.
E tutto va a posto.
Anche perchè se così non fosse, avrei già avuto diversi infarti, uno o due aneurismi, tumori sparsi e sarei già dovuta essere morta quattro o cinque volte.
E visto che sono ancora qui....

20 commenti:

  1. ahahahah
    dici che ha un effetto diverso?

    RispondiElimina
  2. eccome. Pensa che io ho più voglia di fare sesso adesso, rispetto quando avevo vent'anni. Ti sembra normale? Io direi di sì in ogni caso

    RispondiElimina
  3. Sai Fabri, quando vivi crisi di panico non hai tempo per pensare a trombare, anzi non hai tempo per pensare.
    Punto!

    RispondiElimina
  4. Agnese, tu hai sempre un pensiero dolce per me.
    Bella che sei...

    RispondiElimina
  5. e visto che sei ancora qui ti abbraccio

    RispondiElimina
  6. Io sono morto il prima aprile del 2005 in seguito ad un attacco di panico. Il dottore mi ha prescritto lo xanax ma mi faceva lo stesso effetto di un bicchiere d'acqua. Ora mi drogo giornalmente con uno psicofarmaco che mi ha fatto capire come si deve vivere e...guarda cosa posto adesso sul mio blog!

    RispondiElimina
  7. Io ce l'ho nel mio di tutto rispetto palmares.Mica mi faccio mancare qualcosa oh..

    RispondiElimina
  8. sai dem, a volte credo di essere una grande delusione per te, specie quando ti confini dentro i tuoi silenzi...

    RispondiElimina
  9. Un abbraccio. Perchè so di cosa si tratta, pur non essendone mai stato coinvolto personalmente.

    RispondiElimina
  10. Lorenzo, volevano coinvolgere anche me nella storia degli psicofarmaci, ma mi sono rifiutata primo perchè lo xanax per fotuna mi è sufficiente e prima o poi potrò rinunciare anche a lui, secondo perchè temevo e temo che dalla spirale dei farmaci psicotici si resta invischiati a vita.
    Insomma resisto!!!
    p.s. leggo ciò che scrivi o posti cul tuo bloggo...che ti credevi???

    RispondiElimina
  11. Just, sapevo che facevi parte dei nostri!!!
    Siamo pur sempre una grande famiglia!!!!

    RispondiElimina
  12. Grazie evaso, l'affetto è sempre terapeutico!

    RispondiElimina
  13. ti sbagli, la mia grande delusione sono io

    RispondiElimina
  14. mi ritrovo in molti dei tuoi post...sei una piacevole sorpresa....e forse siamo anche coetanee ;)
    io però non poetizzo ma sono alla ricerca del mio santo graal!
    buona giornata!

    RispondiElimina
  15. sarà ma mi capita di sentirmi tale...

    RispondiElimina
  16. Ciao Amalia, benvenuta.
    Ho guardato da te ma non c'è riferimento alla tua età.
    Io ne ho 45, tutti suonati!
    Buona serata a te.

    RispondiElimina
  17. Mi ricordi che ti do un abbraccio supplementare quando ci vediamo? Ma mica per gli attacchi di panico. Perchè ti voglio bene.

    RispondiElimina
  18. Aspetta che me lo segno!!!
    Anch'io ti voglio bene...ma credo che tu lo sappia già.

    RispondiElimina