Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 19 ottobre 2010

Singing in the rain


Le piaceva cantare.
Ovunque andasse, qualunque cosa facesse, cantava.
Non aveva un genere preferito.
Le bastava lanciare ogni tipo di gorgheggio e si sentiva felice.
Anche per comunicare usava il canto che determinava a secondo dell'occasione.
Lirica, rock and roll, canzoni popolari, non si poneva limiti.
Era un karaoke vivente, un juke box ambulante.
Anche quella volta che le scappò la pipì, si sedette sul gabinetto e svuotò la vescica intonando un do di petto.

25 commenti:

  1. Fantastico!!! Esattamente come desidero condurre la mia esistanza: a suon di melodie. Prevalentemente rock, per deformazione mentale. E quando mi siederò sulla tazza, intonerò un do di RETTO.

    RispondiElimina
  2. e la msieria! mi sembra esagerato un do di petto per poco poco di pipì :)

    RispondiElimina
  3. Un do di petto seguito a una pipì...
    Problemi di reni?
    Era forse iRENE Grandi? Hahahah!

    RispondiElimina
  4. la canzone del titolo del post mi richiama alla mente arancia meccanica

    RispondiElimina
  5. Dopo la giornata odierna, non posso dire altro che: Mi piace questo elemento prima di tutti gli altri Amici!

    RispondiElimina
  6. Squili, con il do di retto hai superato te stesso.
    Mitico!

    RispondiElimina
  7. Frammenti, per tutto mica solo per la pipì!
    Non l'hai sentita cantare ad un funerale.
    Ha intonato un gospel che ha fatto piangere tutti gli astanti.
    Dici che piangevano per il defunto?
    Potrebbe, ma dipende sempre da quello che chi compie l'azione pensa.

    RispondiElimina
  8. minchia Grace, sei un portento!
    Ma come ti è venuta???

    RispondiElimina
  9. eheheheh Antonio, non si chiama Stefano lei!!!

    RispondiElimina
  10. demian, non saprei; mai visto arancia meccannica.
    Non amo i film trucidi.

    RispondiElimina
  11. Bella, quando cagava dipendeva dalla compattezza del prodotto da espellere.
    Se trattavasi di stronzi consistenti per i quali veniva richiesto uno sforzo, allora si limitava ad uno stornello in modo da non distogliere la concentrazione dall'azione, se invero era scioltina, allora poteva dedicarsi all'Aida!

    RispondiElimina
  12. Macs, ti capisco...
    libero è come il governo...antidemocratico!

    RispondiElimina
  13. Lorenzo, ma dai!
    Magari vi conoscete!

    RispondiElimina
  14. evaso, io do sempre consigli utili, che ti credi?

    RispondiElimina
  15. stralcio:
    "Nella scena iniziale del film viene introdotta la banda dei Drughi, seduti al Korova Milk Bar sorseggiando lattepiù, ovvero latte addizionato con droghe come anfetamina, mescalina ed LSD, indispensabile a loro dire, per esercitare della buona e vecchia ultraviolenza.

    La stessa notte la gang prende a calci e bastona in gruppo un inerme barbone ubriaco, affronta in una rissa una banda rivale vestita con divise da SS, scorrazza per le strade di campagna a bordo di una fuoriserie rubata, una fiammante Durango del '95, provocando caos e incidenti, ed infine pratica quello che Alex DeLarge chiama "il numero della visita a sorpresa", che consiste nel recarsi in una casa - questa volta si tratta della casa dello scrittore Frank Alexander - convincere gli abitanti ad aprire con una scusa e quindi esercitare l'ultraviolenza; Alex, aiutato dai Drughi, prima malmena quasi a morte lo scrittore, spensieratamente cantando Singin' in the rain, poi violenta brutalmente sua moglie davanti ai suoi occhi."

    RispondiElimina
  16. oh beh uno stralcio non è un film, un film si vede, non si legge uno stralcio. Trucida è parte della nostra politica, trucida è la guerra, che realmente mettiamo in tavole che siano più lontane da noi così da non esserne scossi. Trucidi sono molti film e trasmissioni che passano in tv e che guardano bambini e ragazzini, mi vengono in mente i film che ora vanno molto, film dell'orrore per nulla vietati dove morti e sangue sono più che gratuiti, vedi saw o san valentino di sangue o quant'altro. Arancia meccanica non ha nulla di trucido. Dovresti anche leggere il libro se ne avrai occasione, oltre che vedere il film. Il buon caro vecchio Ludwig avrebbe apprezzato.

    RispondiElimina
  17. sul singin in the rain" non sò perchè ma penso sempre "A Clockwork Orange" genio di Stanley, inarrivabile la sua perfezione

    RispondiElimina