Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

sabato 11 dicembre 2010

The memory remains


Memoriacorta, aveva la difficoltà oggettiva di ricordare le cose.
Pertanto cominciava i discorsi e nel bel mezzo dell'interesse generale si bloccava lasciando sospesi coloro che l'ascoltavano.
Si fermava sempre sul più bello.
Se doveva parlare di qualcuno o di qualcosa, iniziava da lontano e nel momento in cui doveva comunicare il nome della persona o dell'oggetto, c'infilava un "cosa"
Così, ogni persona ed ogni oggetto diventavano "cosa" o "coso".
Sonobastardodentro, che la conosceva come le sue tasche e sapeva sempre dove lei volesse andare a parare, cominciava i giochetti da indovino sadico nei quali infilava qualunque nome tranne quello giusto.
Lei, che aveva sempre sulla punta della lingua la risposta, non riconoscendola in quelle di Sonobastardodentro, s'inviperiva e dimenticava maggiormente.
Quando finalmente e dopo sforzi non indifferenti tirava fuori dal cilindro la soluzione alle sue incertezze, aveva però dimenticato lo scazzo precedente.
Qualcuno le propose di farsi una bella cura di...
di.....
di coso, ecco!

18 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Ecco in questo caso vorrei essere Memoriacorta. Trova la soluzione e non rimane mai incazzata mai perchè tanto dimentica.

    PS ho eliminato il post precedente perchè c'erano "orrori" ortografici...

    RispondiElimina
  3. Allontanati
    Sparisci
    Piccola dea del denaro
    Cenere alla cenere
    Polvere alla polvere
    Variazione nel nero

    Ricchezza, successo
    Specchio vanitoso
    Impazzito

    Balla piccola dea del denaro, balla

    RispondiElimina
  4. Bella, io lo sto diventando e ti assicuro che non è tutta questa meraviglia!!!
    A volte le cose sembrano belle poi quando ci sei dentro non lo sono più!

    RispondiElimina
  5. teti, grazie per la traduzione della canzone...
    All'inizio pensavo stessi mettendo alla prova la tua memoria!!!
    :)

    RispondiElimina
  6. Mi è presa la catalessi mentale, l’ammutinamento dei neuroni, l’esaurimento pre gestazionale, il collasso catatonico, l’infarto limbico, l’ictus amigdalatico, l’ipotrofia ipofisaria__ insomma lo spantegamento mentale che approssima la rivolta e la reazione sotto forma di improperi bestemmie e parolacce___ :(
    oggi capisco solo gli scarabocchi__ :(
    ho copiato e incollato tanto così per farti un saluto___ :))

    RispondiElimina
  7. eh? ho letto qualcosa...può essere, mah!
    ma dove siamo qua? e io, chi sono?
    ma soprattutto, quando?

    RispondiElimina
  8. Ciao Cosa, stai parlando di me, vero?

    RispondiElimina
  9. Il coso sistema tutto, altro che l'omeopatia!!

    RispondiElimina
  10. me c'entrano le dimensioni del coso ??

    ps. ti dico solo che a proposito di memoria, ho imparato il mio codice pin per il bancomat con le note di "the memory remains" ...d'oh !

    RispondiElimina
  11. Deliziosa, come sempre, Amica mia!

    RispondiElimina
  12. espe, parlo di te,di me di Cosa, di Coso...
    Insomma ce n'è per tutti!!!

    RispondiElimina
  13. Ragnetto, il coso è meglio della tachipirina, meglio dell'aspirina.
    Ti sistema l'avvenire per sempre.
    Avercene!

    RispondiElimina
  14. Aitor, no le dimensioni non hanno nulla a che fare.
    E' pur sempre una questione di qualità prima che di quantità, di qualunque cosa stiamo parlando!

    Io il pin, l'ho imparato grazie alla tastiera immaginaria che ha sede a casa di Mononeurone.
    Sempre grande lui!

    RispondiElimina
  15. Macs, grassssie.
    So che i personaggi impossibili ti deliziano.

    RispondiElimina