Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 28 dicembre 2010

Please don't go


"In amor vince chi fugge"

Ma chi fugge, cosa vince?

47 commenti:

  1. Nulla! Si perde sempre... alla fine.

    RispondiElimina
  2. Diario, e se fosse che non bisognerebbe fuggire?
    Ovvero tentare, rischiare, provare.
    Non so, magari sarebbe un modo per vincere.

    RispondiElimina
  3. Vince l'amore di chi lo rincorre... ma se è fuggito si vede che poi non glie ne fregava così tanto....

    Fuggiteeee!!!! Fuggiteeeeeeee!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. buon giorno!
    come cosa vince?
    allora, metti che ci sono due, uno/a fugge e l'altra/o insegue.
    il primo vince sull'altro/a e il/la secondo/a perde!
    cosa si perde e cosa si vince è uguale.
    entrambi perdono l'altro/a
    entrambi vincono la libertà.
    ma assegnare la vittoria è un fatto esterno che decide l'osservatore.
    perchè chi fugge magari soffre
    e chi insegue magari è felice.

    (credo che con l'andar delle ore mi verrà qualcosa di meno contorto)
    quindi torno :)

    RispondiElimina
  5. Grace, il rimpianto per cosa?
    Che poi, chi fugge lo fa con cognizione di causa?

    RispondiElimina
  6. Bella, in realtà chi rincorre prima o poi si rompe le palle.
    A meno di non farla diventare un'ossessione e continuare a farlo per dimostrare a se stesso di riuscire nell'impresa.
    Insomma a me sa che nessuno vince nulla!

    RispondiElimina
  7. Cagnaccio, non preoccuparti...comprendo!
    eheheheh

    RispondiElimina
  8. teti, chi fugge secondo me non soffre affatto.
    Anche perchè smetterebbe di fuggire.
    Potrebbe vincere la libertà di decidere che la fuga sia la sua via per essere felice.
    Ma tutto questo in maniera inconscia.
    Se poi fugge perchè non è capace di starci dentro, allora perde a prescindere.
    Mi sa che mi sono infilata in un ginepraio!!!

    RispondiElimina
  9. "Quant'è bella giovinezza che si fugge tuttavia
    chi vuol essere lieto sia del doman non v'è certezza."

    Lei/Lui fugge ? Cercatene un altro/a...

    RispondiElimina
  10. beh, personalmente mi defilo quando l'altro non mi piace neanche un po'.
    mentre l'altro fugge da me perchè sono insopportabile.
    idealmente si porta il pretesto della fuga per incapacità ad affrontare i propri sentimenti e quindi un po' di infantilismo.
    ma nel mio caso so perchè fuggono e per quanto mi sforzo di pensare a come fare per evitarlo, quando trovo qualcuno che mi piace sono la prima a dire fuggi, fuggi!
    forse mi piace perdere?
    non so perchè alla fine i conti si pareggiano dato che sono più gli uomini da cui fuggo e che non mi piacciono da quelli che inseguo:)

    RispondiElimina
  11. A furia di fuggi', se non altro, si mette su un fisico della Madonna.

    RispondiElimina
  12. chi fugge non vince...ha solo il fastidio di essere rincorso da qualcuno che l'ama...non ricambiato...un sorriso

    RispondiElimina
  13. Speiamo che almeno a forza di correre sarrano dimagriti tutti e due!

    RispondiElimina
  14. Aitor, ma quante sono le cose che fuggono e non riusciamo a raggiungere?
    Oggi c'ho sti pensieri filosofeggianti che non trovano risposta.
    Vado a farmi una revisione al cervello!!!

    RispondiElimina
  15. teti, qui si va oltre il mi piace/non mi piace.

    Anche in una coppia, c'è questa altalenanza sentimentale che rende sempre uno un po' più forte dell'altra.
    E mentre quello forte fuggicchia, l'altro insegue.
    Una sorta di acchiapparella.

    E' chiaro che se m'insegue uno che detesto fuggo più veloce della luce!

    RispondiElimina
  16. Mr, mica vero, anzi ti viene una pancia da buddha.
    Perchè mica si fugge materialmente, ci si crogiola dentro la pigrizia.
    Fuga da seduti.
    Al massimo si allenano i muscoili della faccia durante le smorfie da fastidio congenito e/o acquisito.

    Ero indecisa se linkarti dal momento che sono una granata convinta :) ... piango le nostre disfatte!

    RispondiElimina
  17. Acqua, tu dici?
    Allora mi sorge spontanea una nuova domanda: perchè chi ama senza essere ricambiato non abbandona l'oggetto del suo vano amore e si ostina a inseguirlo?

    RispondiElimina
  18. Macs, non è tutto bianco e tutto nero...ci sonno le sfumature (fidati, che ci sono).
    Secondo me non è così semplice!

    RispondiElimina
  19. perchè quando si ama non si ragiona...il cervello se messo in azione ci farebbe desistere...ma il cuore non ragiona mica...il cuore è un pò don chisciotte...a volte batte contro i mulini a vento!

    RispondiElimina
  20. ...i romantici inseguono,amano nel loro subconscio perdere..perchè la tradizione letteraria così ci insegna...e sono anche i più amati,ma non da chi vorrebbero . ciao L&G

    RispondiElimina
  21. Adesso capisco perchè ho il fiatone!!

    RispondiElimina
  22. Acqua, concordo, ma dopo un po' si riprende possesso delle proprie facoltà mentali e cardiache.
    Eppure si continua a correre..
    Va bene cercare di andare contro i mulini a vento, ma andarci a sbattere la faccia più di un tot, non mi pare opportuno!

    RispondiElimina
  23. giovanni, ciao.
    Quindi meglio essere cinici.
    Anche se l'equilibrio tra l'essere romantici e l'essere cinici farebbe si che non si eviterebbe di perdere la capacità di sentire col cuore ma neppure d'occhio la realtà oggettiva.
    Bel casino, alla fine!

    RispondiElimina
  24. Ale, fermati un attimo e riprendi fiato!!!

    RispondiElimina
  25. il fatto è che non c'è un tempo specifico...a volte la corsa può durare anni... si diventa bravissimi a non voler vedere la realtà per quel che è...

    RispondiElimina
  26. ma perchè mi tratti male?
    che ci posso fare se non conosco il problema?
    di solito a me capita che ci si alterna nei giochi di potere che poi sono in parte giustificati dal fatto che alcuni riescono meglio in una cosa o sono più forti in un'altra.
    se il gioco si squilibria (o squilibra?) finisce.
    ma mi rendo conto che vi sembro una aliena.
    è che io sono profondamente single, quindi in coppia ci sto se ho un vantaggio o anche uno svantaggio che però mi voglio accollare quindi alla fine è comunque un piacere.
    che ne so io di storie che si trascinano puntellandosi sulle ripicche o i giochi sporchi?
    già è un problema evitare la fuga del mio cervello o rincorrerlo!
    dimmi che nn sono in tema, ma nn trattarmi male :(
    altrimento sparisco, evaporo, mi dissolvo____ :(

    RispondiElimina
  27. Acqua ma reiterare per anni è folle!!!
    Voglio dire, ad un certo punto diventa una questione di dignità.
    O no?

    RispondiElimina
  28. teti, tesora, e che ho detto mai?
    Mica ti ho trattata male...
    mi spiace se l'hai pensato...
    Non era nelle mie intenzioni...
    Vedi, è il limite delle parole scritte, manca l'espressione del viso...

    RispondiElimina
  29. Io frego tutti/e e mi corro dietro da solo!

    RispondiElimina
  30. ragazza che post!
    si fugge perchè l'altro non ci interessa e non si sa più come farglielo capire: il resto son fregnaccie!
    se fuggo perchè la credo una tattica per farmi inseguire, sono un'adolescente mai cresciuta ed un po' stupida (o credo stupido l'altro).
    se fuggo perchè ho paura... beh... allora son proprio una cretina patentata!
    e rincorrere? un buon allenamento per scrivere bei post d'amore :-D

    RispondiElimina
  31. Sai mi viene in mente che forse dovrei smettere di correre dietro a chi non mi vuole..e camminare finchè non incontro chi mi ama...

    RispondiElimina
  32. vedo che nessuno ha capito il significato del detto popolare.

    Si tratta di potere, come al solito. L'amore è una questione di rapporti di forza, sempre e anche quando i piccioncini si corrispondono.

    Uno dei due è più forte e di solito se la tira e si fa desiderare. Più si fa desiderare e più sarà desiderato.

    Quello che fugge vince lo scettro del comando.

    Questo è vox populi, in realtà le cose sono più complicate.

    RispondiElimina
  33. Monsieur, straordinario...
    Hai fregato anche me!

    RispondiElimina
  34. shadow, a volte mica servono tante parole per spingere le persone a riflettere.
    Io temo che non siano tattiche o paure, credo maggiormente a motivi caratteriali.
    Secondo me.

    RispondiElimina
  35. Ale, condivido assolutamente.
    E soprattutto dovresti cominciare ad amarti un po' di più.

    RispondiElimina
  36. Diario, mi spiace contraddirti ma io l'ho detto diversi commenti più su.
    Sicuramente le cose sono più complicate, ci sarebbe da aprire fior fiori di dibattiti e non si finirebbe mai.

    RispondiElimina
  37. chi fugge, forse vince una maratona...a furia di correre..! :o)

    RispondiElimina
  38. ahahah
    sempre che non corra controcorrente, che allora fa concorrenza ad un salmone!

    RispondiElimina
  39. infatti poi è la dignità che ferma la corsa.

    RispondiElimina
  40. motivi caratteriali? mi fai uno schemino? :-DDD

    RispondiElimina