Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

giovedì 24 marzo 2011

Don't worry be happy


Quando sono felice, non sono mai annoiata.
Sarà che sono troppo impegnata a godermi la mia felicità.
Non c'è niente che farei e/o non farei per noia.
E' uno stato temporale che ci può stare e se non ci fosse non farebbe da tramite tra noi e la felicità.
Basta non renderla il capro espiatorio della propria infelicità.

18 commenti:

  1. No. La noia non fa decisamente per me. Qualsiasi altro stato emotivo ma non questo. Me ne invento in continuazione pur di fuggirlo.

    RispondiElimina
  2. Monsieur, è più facile scrivere sulla noia e i suoi derivati che sulla gioia e la felicità.
    Sono beni più effimeri e mentre la prima è abbastanza simile un po' per tutti, sulle seconde ognuno interpreta come più gli aggrada!

    RispondiElimina
  3. Minerva, a proposito di stati emotivi eccellenti, quando reiteriamo l'apericena io e te?

    RispondiElimina
  4. Io sono così pigra che non riesco nemmeno arrivare allo stato 'noia' [ ..pensa che ho trasferito i miei sogni nel cassetto in un comodo floppy disk]. Forse durante la fase felice ci drogano le endorfine ecco perché..ma non preoccuparti un giorno ti rapirò e sarà tutto ammmore e risate :) xxx

    RispondiElimina
  5. Quando sono felice ho l'ansia perchè so che finirà

    RispondiElimina
  6. Nast, avresti dovuto usare un dvd.
    Succederà che non troverai mai più un lettore di floppy e i tuoi sogni resteranno incollati in un quadrato di plastica inutile.
    Non avrai bisogno di rapirmi, ti seguirò come un cagnolino fa con l'osso.
    ;))

    RispondiElimina
  7. Ragnetto, certo che finisce.
    Se fossimo sempre felici non ci renderemmo più conto di esserlo e crederemmo di essere infelici anche quando non lo siamo!
    (ho bisogno di un caffè bello forte, stamattina!)

    RispondiElimina
  8. Ciao.
    La noia è uno dei pochi momenti di lucidità che abbiamo. Va sfruttata in modo diverso.

    RispondiElimina
  9. Assergi, sei tornato?
    La noia mi annoia e la lucidità che sembra accompagnarla è una visione distorta dei nostri malumori.
    Preferisco tenerla lontana, quando posso!

    RispondiElimina
  10. L'importante è non vedere la momentanea mancanza di felicità come una patologia. Il meglio della produzione artistica di tutti i tempi è stato prodotto da gente malinconica. Per fortuna non curata. Pensa anche solo al Blues...

    RispondiElimina
  11. Macs, se diventa patologica diventa depressione.
    E' vero però, uno scrive e crea il meglio quando è depresso, frustrato ed infelice.
    E io, questa cosa qui, non l'ho mai capita.
    Perchè mai il dolore ci rende così profondamente creativi?
    Forse siamo dei masochisti latenti!

    RispondiElimina
  12. Perchè è il dolore che ti fa sentire vivo. La felicità o la gioia o la tranquillità sono soporifere, addormentano gli istinti e placano il fuoco sacro :)

    RispondiElimina
  13. Anche a me...
    abbiamo una cosa in comune!!!

    RispondiElimina
  14. noi siamo noiosi a parlare della noia

    RispondiElimina
  15. Sarà per questo che sono annoiato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che combinazione...
      Proprio ieri ho letto la tua opinione sulla pubblicazione o meno dei racconti erotici...
      Ho letto anche tutti i commenti, ed erano tanti, mica pizza e fichi!
      E tu giungi qui...
      Curioso...

      Elimina