Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

sabato 8 settembre 2012

Sex & drugs & rock and roll

Ora, se una casalinga disperata è riuscita a vendere millemila copie di una trilogia che parla di sesso, non credo sia per la qualità dell'opera letteraria (che, peraltro, voci illustri mi dicono non abbia nulla di letterario, anzi) ma perchè parla di trasgressione.
Non l'ho letto e non lo leggerò quindi non posso recensirlo personalmente.
E' il fenomeno che è interessante.
Il fatto che il sesso e le sue inclinazioni, destino curiosità oggettiva.
Non importa come se ne scriva, basta eccedere.
Forse non sappiamo più immaginare o, forse, non si vuole ammettere di avere pensieri trasgressivi e il fatto che lo faccia qualcun'altro, ci da modo di toglierci dall'incombenza, ci autorizza in un certo senso.
Che poi, da quanto ho letto in giro, pare che non ci sia neppure tutta questa trasgressione e che sia oltremodo paradossale in certi passaggi.
Quindi, sono arrivata alla conclusione che io, che non so scrivere di sesso, sarei comunque riuscita a fare meglio.
Peccato che l'idea sia venuta a un'altra, avrei potuto eludere una bella serie di problemi.
E' che conosco i miei limiti.
Non so attizzare la mia sessualità figuriamoci quella degli altri!

(sex & drug & rock&roll - ian dury)




32 commenti:

  1. il sesso che spopola è un sesso che a me personalmente fa venire sonno. Una sessualità alla buona, casereccia, rilassante... pure quando fanno gli estremi, i violenti sadomaso a me fanno scompisciare, perché non sono che stereotipi triti e ritriti; pare abbiano ingoiato il manuale della casalinga annoiata.
    ma il mio è un parere che non conta, al massimo s'attira l'ennesima antipatia. Comunque un giorno o l'altro, se vuoi far soldi fammi un fischio che mettiam su un best seller... "o' pere e o' musso" può essere introdotto come afrodisiaco in una versione nuova di 9 settimane e mezzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voglio far soldi, sappilo.
      Io sono pronta e in questo momento ho pure tempo.
      Quindi, quando vuoi!

      Elimina
    2. Guarda che non scherzo, mettiamo su una storia che racchiuda tutti i "desideri" che sono in voga oggi, li condiamo con un po' di sentimentalismo non troppo impegnativo e aggiungiamo che certe cose son vita vera... secondo me son soldi assicurati!

      Elimina
    3. Guarda che neppure io scherzo.
      Quando cominciamo?

      Elimina
    4. Eh, ma guarda che io stanotte butto già giù qualcosa...

      Elimina
  2. no, guarda...manco.trasgredisce!!! Io non so cosa faccia il resto del mondo a letto, ma se si emozionano leggendo quella roba lì sono messi male!!! Non ci trovo niente di sconvolgente nel farsi legare le mani con una cravatta.

    RispondiElimina
  3. A me se mi leghi le mani con una cravatta mi viene la claustrofobia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me viene negli ascensori.
      Ma non se ci trombo, proprio a starci dentro!

      Elimina
  4. Scrivere di sesso è tecnicamente facile. Scrivere qualcosa di sensuale è tecnicamente difficilissimo. Soprattutto se non hai mai nemmeno lontanamente sperimentato tali sensazioni. E non parlo di tuo marito che ti ingroppa come un fantino alle corse, parlo della sensazione di aver fatto sesso anche solo essendosi guardati negli occhi. Non so se mi spiego.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un giorno mi cimenterò a scrivere una cosa porca.
      Così, solo per vedere come viene e capire se mi sia possibile avere un futuro come porno scrittrice.
      Certo che ti sei spiegato, come la vela al vento!
      :)

      Elimina
  5. ...e che il mondo e' saturo di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e va beh, però in 31 milioni si sono accontentati.
      Voglio dire che è materia con la quale c'è sempre riscontro, nonostante ce l'abbiano propinato in tutte le salse.

      Elimina
    2. Si ma sono dati americani....e li sono puritani ...si bevono la qualunque...
      Mentre qui in Europa ci facciamo abbindolare da operazioni di marketing...

      Elimina
    3. Se per 18 anni siamo riusciti a tenerci lo psiconano al governo, forse siamo messi un po' peggio di loro!

      Elimina
  6. perché siamo falene (chi più, chi meno)
    accendono una lampadina spacciandola per sogno
    e ci sbattiamo le ali contro


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io te l'ho già detto che ti amo?
      Mi pare di si, ma reitero e ribadisco il concetto.

      Elimina
  7. Proprio stamattina leggevo sul (mio) Lankelot la recensione su questo libro (http://www.lankelot.eu/letteratura/james-e-l-cinquanta-sfumature-di-grigio.html).
    Onestamente non mi aspettavo nemmeno di trovarcelo su Lanke visto che, da più parti, si capisce che racchiude solo un mucchio di scemenze da casalinga de- o re-pressa.
    Comunque la tizia sta facendo un mucchio di soldi e chiaramente tutto ciò la dice lunga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un libro che vende è un libro che vende, a prescindere dalla qualità.
      In più, se ci metti che la bellezza di ogni cosa è soggettiva, beh, non dubito che ci sia davvero qualcuno a cui è piaciuto.

      Elimina
  8. ciao è permesso?
    Io ho letto la trilogia e trovo sia molto stile Harmony, con il maschio dominante che protegge, possiede, figh, belle foTTomodel.
    Di letterario è vero, ha molto poco ma credo che sia piaciuto così tanto perché promette trasgressione per casalinghe.

    Lo rileggerei? Sì, bel romanzetto, ma di bdsm, come lo vivo o lo vedo io...Non ho trovato nulla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao.
      Certo che è permesso.
      Non solo, è un piacere averti qui.
      Io continuo nella convinzione di non togliermi la curiosità, almeno per ora che ho altri libri a cui rivolgere la mia attenzione.
      Poi, mai dire mai.

      Elimina
    2. Vorra dire che continuerò a spacciarti dei libri, Amour!
      Non vorrei mai che...ti venisse voglia di leggere il "romanzetto"...

      Elimina
  9. E ci mancherebbe! Sono l'unico pusher che fa credito! E illimitato...

    RispondiElimina
  10. Ma va! Aspetta un paio d'anni e vedrai che il mercato sarà in crisi di gente che parla di sesso, allora potrai fare il tuo trionfale ingresso nella nobiltà letteraria mondiale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaaa!
      E' da che esiste il mondo che il sesso e il suo mercato la fanno da padroni.
      Sarà meglio che sia io ad evolvermi!

      Elimina
  11. ...e poi.... chi ti ha detto che non sai attizzare la sessualtià degli altri??? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io!
      E' un limite di cui ho una consapevolezza disarmante!!
      :)

      Elimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. Dopo la sciroccata che ha ammorbato il pianeta con le vicende dello pseudo mago Harry Potter, arriva il secondo esemplare della categoria casalinghe oltremodo disperate a raccontare di sesso(?).
    In ufficio, in palestra o al parco non si sente parlare d'altro; personalmente non butterò soldi per tali libretti, anche perchè la carta igienica costa molto meno e fa lo stesso servizio...

    RispondiElimina