Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 3 agosto 2010

Tutti frutti


Credo che i miei gradi di separazione dalla follia si siano di molto accorciati.
Ormai è cosa certa che stia diventando, agorafobica e compulsiva mentre ero già in possesso di ansia, claustrofobia e fobia da volo aereo.
Uscire sta diventando complicato e io, cocciuta come un mulo, me lo impongo come una medicina.
Quindi forte della forza che m'abbandona, lascio la dimora e vado.
Dove?
Ovunque.
Tempo zero e le pulsazioni cardiache aumentano esponenzialmente alla paranoia, mentre la sudorazione raggiunge i livelli di una doccia.
Controllo in giro se ci sono posti morbidi dove eventualmente svenire, ma so già che se dovesse succedere mi farei piuttosto male.
Comunque il massimo del minimo, l'ho raggiunto pochi minuti fa, mentre presa dalla compulsione per la pulizia di casa, lettore mp3 nelle orecchie, mi sono messa a cantare a squarciagola Gold, usando come microfono l'asta della scopa.
Se fosse morto, Tony Hadley si rivolterebbe nella tomba!

14 commenti:

  1. Io quando faccio quelle cose lì mi sento vivissima, rincoglionita e vivissima... Non venite a dirmi ch ele due cose no s'abbinano che mi si sfalda una certezza ed è peggio di quando il detersivo si mangia le ughie... Mmmmh... o dovrei cominiciare a preoccuparmi io o smettere - e immediatamente - tu. Facciamo la seconda? Per te, per me, per te io ne buuuttooo trè!

    RispondiElimina
  2. Oooh ms, ma io mi sono pure divertita...i vicini un po' meno!!!
    E' che c'è poco da fare, se distruggi una canzone consapevolmente, ti devi prendere le tue responsabilità...
    Ecco!

    RispondiElimina
  3. Sono sicuro che Freud avrebbe avuto una spiegazione per questo o anche solo per il fatto che hai deciso di distruggere "Gold" piuttosto che "Save a Prayer" dei Duran! :)

    RispondiElimina
  4. Quella l'ho distrutta subito dopo...
    mica mi faccio mancare nulla io!

    RispondiElimina
  5. demineralizzatore ha detto...
    forse dovresti disimparare quei nomi e metterti a tuo agio

    RispondiElimina
  6. quando ti prende quella compulsione lì esci e vieni a casa mia. Puoi cantare finchè ti pare (mentre pulisci).

    RispondiElimina
  7. mio amour, chi l'ha detto?
    No, perchè non è che la memoria mi accompagni tanto...

    RispondiElimina
  8. eheheheh
    esperina, funziona solo a casa mia, in quella degli altri mi rilasso e evito pure di cantare...
    Che poi, cantare è un parolone!

    RispondiElimina
  9. iuu eccomi... ho riletto anche i otuoi vechi post.. e confermo quanto ti dissi : sei un genio !!

    buonagiornata !!

    RispondiElimina
  10. Ma perchè, Tony Hadley è sempre vivo? Azz. Cosa aspetta a morire soffocato nella vasca da bagno (possibilmente dal suo stesso vomito) ed entrare così nella storia? Non ci sono più le rockstar(s) di una volta.

    RispondiElimina
  11. ehilà Ait... minchia, non c'avevi davvero nulla di meglio da fare??? :))
    Ribadisco: genio???
    ahahahah

    Buonagiornata a te.

    RispondiElimina
  12. e si evaso, è ancora vivo...
    Ma non può morire invaso dal suo vomito, lui era un dandy è entrato nella storia così...
    Elegantemente, direi!!!!

    RispondiElimina
  13. Bisognerebbe scegliersi i Draghi da affrontare con maggiore opportunismo... Tormentarsi l'anima produce inutili emorragie debilitanti. Ama te stessa, ti servi! Io usavo mettere a palla lo stereo con "House of the rising Sun" degli Animals e cantavo - sbraitavo! - insieme a Eric Burdon. I vicini erano già abituati alle stravaganze sciarconesche. Per quanto...

    RispondiElimina