Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

venerdì 15 maggio 2009

Pezzi di vetro



Con quanti uomini ho scopato?
Non so, non ricordo.
Di molti ho scordato anche il nome.
Del resto cosa cambia?
Erano solo nomi e non era quello a interessarmi.
Non avevo bisogno che mi piacessero, mi bastava piacere loro, dare loro piacere.
Ricevere qualche carezza in cambio di un corpo.
Un corpo vuoto, caldo per l'occasione, che si sciogliesse al suono di un orgasmo.
Fingere di amare per un'ora, a volte due.
Fingere per me, fingere cure, attenzioni.
Masturbarsi la mente lasciandosi violentare il corpo.
Nel mezzo io, io che per un attimo, solo per quell'attimo, dimenticavo di essere in affitto.

22 commenti:

  1. ma grazie wick...è la prima volta che mi fai un complimento... grazie davvero.

    RispondiElimina
  2. si...ho sempre invidiato a voi donne (non tutte ne sono capaci ma te secondo me la sei) la capacità che avete di parlare di sesso...argomenti anche "pesi" senza però risultare volgari.

    RispondiElimina
  3. "Masturbarsi la mente lasciandosi violentare il corpo."
    Mi sa che come scrittrice cinica-erotica hai un futuro.. ;-)
    Baci

    RispondiElimina
  4. Sarà forse perchè certe donne hanno quel briciolo di sensibilità che a voi uomini manca proprio di default, che non vuole essere un rimprovero, ma solo un dato di fatto.

    RispondiElimina
  5. guarda guarda chi abbiamo qui!!
    (e sono proprio contenta..)
    Il cinismo è oltre il livello di guardia, sulla parte erotica ho ancora molto da imparare!!!
    Un bacio a te

    RispondiElimina
  6. anche io non amo le donne che nascondono la propria voglia e il proprio essere..
    la capacità appunto di ammettere che si masturbano o solamente parlare dei propri rapporti apertamente anche solo con un amica..
    non amo la pudicità!! "l'ipocrisia e la pudicità" sono le maschere dietro cui si celano i perdenti..
    io amo il mio lato maschile..
    un bacio (sei bbbella , sei vera)
    s

    RispondiElimina
  7. il mondo intero usa l'autoerotismo.
    Quado l'ormone chiama e manca la materia prima ci si arrangia.
    E' d'obbligo!
    C'è chi ha la capacità di ammetterlo e chi è troppo timido per rivelare di essere portatore sano di onanismo.
    Non penso che sia ipocrisia, semmai incapacità di sentirsi libere di esprimersi.
    Io adoro il mio lato maschile...è forse la parte migliore del mio essere donna!
    Un bacio a te mielina.

    RispondiElimina
  8. Non ti leggevo da un pò, dolceamica. Mi sembri un pò triste ma spero che sia solo un atteggiameto indotto dall'eccesso di assenzio e sporadiche fumatine d'oppio.
    Ma prima o poi verrò a passeggiare con te sotto i portici di via Po e forse ti bacerò, nella penombra di un portone.

    RispondiElimina
  9. è così che faccio l'amore
    forse è l'unico modo
    l'amore si fa con sè stessi

    RispondiElimina
  10. .....[(18,16

    Ho fatto un sogno : ti aggrappavi con le labbra alle mie labbra.

    Penzolavi come Tarzan in fuga.
    Ti esibivi come una funambola senza rete.
    Trapezista, con scarsa conoscenza delle geometrie, ti lanciavi ad occhi chiusi in voli pindarici che ti portavano via da me e a me.
    Sentivo la carne turgida delle mie labbra spaccarsi alla tua morsa, e soffrire dilatandosi al tuo rilascio.

    Non muoverti, dicevo.

    Ma tu niente.
    Con un piacere che è quasi un bisogno mi dilaniavi il sorriso e la smorfia, mi inscrivevi la parola succhiandomi la parola.

    Baci non erano, ma ogni tanto un serpente mi arrivava dentro in bocca con un guizzo.
    Cercavi di ancorarti alla mia ugola che vibrava un urlo grottesco.
    La tua bocca era una caverna dentro la quale l’eco amplificava la mia voce.
    Ed era strano ed impossibile.
    Io dicevo ti amo. Tu dicevi ti amo.

    Mi sono svegliato con il cazzo moscio in tiro, ma tu dormivi ancora, sepolta sotto al niente.)]
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    .
    .

    RispondiElimina
  11. Hai ragione, Amour, non hai futuro come scrittrice erotica... ;)

    RispondiElimina
  12. Mio sire,
    la tristezza sta giusto di fianco all'allegria.
    Rido con un occhio e piango dall'altro.
    Sai bene che non mi faccio mancare nulla....

    RispondiElimina
  13. Lorenzo,
    non è l'unico, ma è uno dei modi.
    A volte succede che si riesca a fare anche in due.

    RispondiElimina
  14. uomo, uomo mio...
    rileggerti è come farlo per la prima volta.
    Una boccata d'aria fresca.
    Un sorriso tra le labbra...

    RispondiElimina
  15. Max...
    tornasti???
    Certo che no, altrimenti l'avrei detto!!!
    :o))

    RispondiElimina
  16. Anche le case in affitto solo belle...Ogni esperienza ha un suo perchè! L'importante è far sempre ciò di cui abbiamo voglia o di cui sentiamo la necessità!

    RispondiElimina
  17. E ma vuoi mettere quando la casa è tua?
    La cosa importante sarebbe quella di cercare sempre, nei limiti delle proprie possibilità, di fare le cose senza farsi troppe seghe mentali.
    "ne abbiamo avute di occasioni, perdendole..." Battiato docet...

    RispondiElimina
  18. A me piaceva la premessa. è semplicemente allegra e scorrevole. poi c è la confessione. che lascia amarezza

    RispondiElimina
  19. credo che ogni scelta obbligata lasci amarezza.. ma lo credo soltanto...

    RispondiElimina
  20. solo 4 puntini
    Eppure ne hai lette di cose.
    Come li interpreto?
    Magari non lo faccio.
    Ma 4 puntini lasciano un sospeso.

    RispondiElimina