Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

domenica 3 maggio 2009

No photo reposare

Lo stesso mare che ho percorso lunedì, mi ha ricondotta verso casa.
Stavolta dolce e morbido, prendendomi quasi per mano.
Tutto quello che è stato lo porto con me.
Un pezzo di cuore l'ho lasciato li, insieme a qualche lacrima che è stata raccolta amorevolmente da mani grandi e generose.
Si ricomincia, ci si riassetta l'equilibrio e si sta.
Fino alla prossima occasione.
Intanto mi godo l'emozione di questo pezzo.
Ed è come essere li ancora un po'.

5 commenti:

  1. scusa ma come fai a portare con te tutto quello che è stato se pur io lo porto con me?

    RispondiElimina
  2. (grande omaggio a grand'uomo. grazie)

    RispondiElimina
  3. Bentornata spero un po ricaricata :)

    RispondiElimina