Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 19 giugno 2012

Prospettiva Nevski

Accovacciata sull'orlo della tazza si ritrovò a pensare a quante cose potesse fare con la figa.
Non con un punto preciso, ma con la sua interezza.
Quella che sembrava essere una menomazione rispetto a quanto posseduto dall'uomo, era in realtà un mondo affascinante e pieno di prospettive.
Ci poteva pisciare o trombare o fare figli.
Perfino allenare i muscoli li intorno.
Quella piccola parte di sè, racchiudeva una meraviglia ardita ed importante.
L'aveva spesso sottovalutata, a volte odiata per quel senso d'inferiorità che avvertiva.
Il solo fatto di dover essere posseduta la rendeva insicura.
Ma allargando gli orizzonti, quel contenitore di cazzi, urina e feti, risplendeva di rinnovata bellezza.
Ed alla fine, dovette convenire quanto più facile fosse racchiuderla in pochi centimetri di stoffa.
Cosa impossibile per un uomo.
Fiera e tronfia di cotanta incredibile, raggiunta consapevolezza, tirò lo sciacquone e andò.

20 commenti:

  1. ah ah bellissima!
    no, non sei normale =D

    RispondiElimina
  2. Pensavo che questa fosse cosa ormai appurata! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi i normali sono così noiosi ;)

      Elimina
    2. Vero?
      E non c'ho neppure dovuto lavorare!

      Elimina
  3. Io la trovo una prospettiva affascinante. Una consapevolezza importante che, in quanto uomo, non potrò provare mai (invidia della figa?).
    La scelta della canzone mi turba, o meglio: mi riporta a un periodo turbolento della mia vita. Ero rapito dal verso "e poi di lui s'innamorò perdutamente il suo impresario, e dei balletti russi"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, noi non potremo mai sapere quanto sia comodo pisciare in piedi o sentire l'uccello crescere nelle mutande.
      Che un po' d'invidia del pene ce l'abbiamo pure noi.
      Chissà perchè non c'è stato concesso di averli entrambi.
      Ci saremmo evitati scomode scelte e avremmo avuto modo di ampliare ogni orizzonte.
      Questa canzone è poesia in ogni verso e parola...io l'adoro.

      Elimina
  4. quale delirio? è proprio così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ora che ci penso, si, è davvero così...

      Elimina
  5. Ho sempre ritenuto stupida e poco convincente la storia della cosiddetta "invidia del pene"... Tutt'al più può essere una curiosità, così come un maschio intelligente non può non essere curioso di immaginarsi munito di figa (ma nessuno parla di "invidia della vagina", tanto meno qui nella patria degli scimmioni machoidi e omofobi, per carità... :D)

    p.s.
    abbasso i normalozzi, naturalmente... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, a certi uomini piace credere che quell'appendice possa permettere loro deliri di onnipotenza.
      Che, a pensarci bene, credo sia decisamente problematico possedere un pisello e non saperlo (o non poterlo) usare.
      Poi ci sono quelli che ce l'hanno al posto della testa e l'ovvia conseguenza è che ragionino col cazzo.
      Sempre d'uso scorretto si tratta!

      Quelli normali non sanno che essere pazzi è un corroborante...
      poveri loro!
      :)

      Elimina
  6. bellissimo post...vedi che anche al cesso si può fare filosofia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed era solo una pipì...ti lascio immaginare cosa potrei produrre in altre occasioni!
      :)

      Elimina
  7. L'estetica della figa ha conquistato anche te. Io sono cultore da lungo tempo, direi da tutta la vita, se escludiamo il primo anno d'asilo. E nel mio blog si vede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao.
      Possedendone una, l'ho sempre considerata un valore aggiunto.

      Elimina
  8. Tra le cose da farci hai dimenticato la sottovalutata (ma neanche tanto) possibilità di farci soldi prestandola. Cosa che vedo più difficile per l'equivalente maschile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti hanno inventato i sexy shop proprio per ovviare all'inconveniente!

      Elimina
  9. Anche io penso ogni tanto a cosa posso fare con una figa. Ma per non diventare banale, scontato e volgare, sto zitto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma se ne avessi una o prendendola in prestito?

      Elimina
  10. Un post di rara bruttezza, indice di un serio problema di natura psicosessuale nell'autrice del medesimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto che tu perda il tuo tempo a leggerlo e commentarlo indica che anche la tua normalità sia compromessa!
      Troppo facile nascondersi dietro l'anonimato per stabilire i miei problemi psicosessuali.
      Io sono disposta anche a parlarne.
      E tu?

      Elimina