Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

mercoledì 3 ottobre 2012

Torpedo blu

L'arroganza di certe persone e l'indifferenza di certe altre, comincia a diventare vomitevole.
Senza parlare di robine da convulsione che riguardano Fiorito o Penati, restiamo sul leggero.
Il presidente dell'Aler di Lecco, parcheggia la sua Jaguar, nel posto riservato ai disabili.
Il disabile, titolare di quel posto, chiama i vigili che multano il fenomeno e gli fanno spostare la vettura.
Lui, che da tre anni parcheggiava sempre nello stesso posto senza alcuna difficoltà, prima si stupisce poi s'incazza, aspetta che i vigili tornino a svolgere le loro mansioni altrove e taglia le gomme della macchina del disabile.
Siccome è anche pirla, si fa riprendere dalle telecamere.
Ora, il suo partito ne chiede le immediate dimissioni.
Che i dirigenti, capiscono bene che dare il beneplacito a simili cose, oltre che a tutte le altre, rischi di danneggiare l'immagine di una parte politica già piena di problemi.
Per tutta risposta, con l'arroganza propria di chi tutto può, non solo non presenterà le proprie dimissioni, ma lancia velate minacce se il partito lo costringerà ad allontanarsi dal suo ruolo.
Che questi individui, hanno capito bene come funziona tutto l'ambaradan.
Do ut des.
E se tu non des io comincio a parlare e poi son cazzi.
Ma quando cominceremo ad averne abbastanza e ad armarci di forconi?
Ma davvero non siamo ancora stanchi di tutta questa merda?

(torpedo blu - giorgio gaber)


15 commenti:

  1. Io ho sempre l'impressione che in realtà questi figuri rappresentino benissimo la media nazionale. Non possono essere tutti in politica i coglioni, sono solo rappresentativi della realtà nazionale. In fondo, se non mi vedo rappresentata in nessun sondaggio, vuol dire che sono io la cretina fuori dal normale... no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo che "la media nazionale" taglierebbe le gomme ad un invalido per rivalsa di un diritto che non gli appartiene.
      Ed in politica non dovrebbero esserci dei "coglioni rappresentativi della realtà nazionale", ma persone erudite e illuminate, che poi in Italia ci si debba accontentare di quel che passa il convento, quello è un altro discorso, del resto non a caso si parla di fuga dei cervelli. Peccato però che a quelli bacati non venga in mente di andarsene :-/

      Elimina
  2. t'è rasùn xxx, questi stanno dove stanno perchè siamo così noi per primi.
    sennò manco ce arrivavano fino a lì.
    Quindi se vogliamo rivoluzionare qualcosa, dovremmo cominciare da noi.
    Io la prima mossa la conosco già: togliere la patente alle donne, soprattutto quelle che girano in Q7 ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, facciamo un bel referendum?

      Elimina
  3. Temo che xxx abbia ragione.
    Io lavoro con i disabili, e sto vedendo cose che non avrei mai voluto vedere. Sto cercando di vivere con gli occhi chiusi, finché ce la faccio. I forconi non bastano, sai?
    Anzi, non servono a niente.
    Non servono proprio a niente ...
    Perché chi impugna il forcone non è migliore.
    Ha da passà 'a nuttata, ma non saremo noi a vedere l'alba.
    Scusa il pessimismo.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. Credo che l'abbiano spinto a dimettersi solo perchè s'è fatto scoprire.
    Nel PDL non hanno molta simpatia per i reati minori.

    RispondiElimina
  5. In un mondo appena perfetto saremmo tutti in fila davanti alla casa del furbacchione per "dirgli" due cosette.

    RispondiElimina
  6. Mah.. non so che dire. Queste non sono mica persone per me.

    RispondiElimina
  7. Il vero problema sta che il danno arrecato all'invalido lo pagherà l'ente pubblico, cioè noi. Questo imbecille prima di stare a contatto con la gente dovrebbe recarsi in libreria a comprare: Come risolvere il 50% dei propri problemi, ma siccome è talmente imbecille ne comprerà 2. In Italia non si ha il rispetto per i beni di terzi, siamo lontani anni luce dai paesi del nord. Berlusconi pensa che perdere qualche chilo possa dare una visione migliore agli occhi del popolo italiano, ma non pensa che il vero problema del suo partito sta nella coscienza sporca dei suoi seguaci venditori di fumo. Buona notte...Primo Junior. Ps: Adesso bisogna lottare senza perdersi nella web.....

    RispondiElimina
  8. Secondo me non siamo ancora stanchi di questa merda perchè in realtà la maggioranza degli Italioti non la percepisce come tale. Un buon 50% della popolazione, magari non avrebbe tagliato le gomme, ma avrebbe tranquillamente parcheggiato nel parcheggio disabili. L'altro 49,5% sarebbe passato oltre dicendo "ma quanti parcheggi per disabili ci sono?" e alla fine avrebbe comunque parcheggiato davanti ad un passo carrabile. Il restante 0,5% sono i disabili. Alcuni dei quali, per evitare inutili buonismi, sono anche peggio dei cosiddetti normali, come persone.

    RispondiElimina
  9. Il forcone é politicamente schierato. Meglio il tomahawk.

    RispondiElimina
  10. Basterebbe solo un po' di plastico. Nei punti nevralgici.

    RispondiElimina
  11. La vergogna è la totale assenza di questa emozione, ed è comprensibile: in un sistema in cui l'appropriazione indebita, la corruzione, la truffa, è la regola, un modello di condotta non solo tollerato ma incentivato, in tale sistema semmai la vergogna sopravviene se l'individuo fà mostra di onestà, di integerrima condotta. L'etica dominante, nella nostra cara epoca democratico-consumista, ha come assoluto principio la sopraffazione e l'accumulo di ricchezza, nonchè la loro ostentazione. La vergogna è anche la assoluta apatia del popolo, di noi, di me, o meglio, la condiscendenza verso certe condotte, forse perchè, in cuor nostro, ipotizziamo che se anche noi ne avessimo la possibilità, la fattibilità, l'occasione, l'abito da ladro vestirebbe bene anche su di noi. Che senso ha poi rinchiuderli in galera? Ingrassare le tasche già pingue di avvocati funzionari e ingranaggi vari della cigolante macchina della giustizia? Le celle poi, non dimenticatelo, non sono fatte per gli abbienti, al massimo qualche giorno e poi al comfort della propria domiciliazione a godersi in ozio i frutti dei propri misfatti. Denudarli invece, privarli di ogni bene che hanno arraffato, con gli interessi s'intende, e lasciarli vivere nella privazione in cui, con la loro condotta, hanno costretto larghe cerchie di cittadini. Immagino già i monasteri colmarsi di questi pingui predatori, afflitti, inadatti agli stenti, e pregare nei propri oscuri recessi al proprio dio, implorando un segno, una banconota svolazzare e posarsi sui loro palmi rivolti in alto.

    RispondiElimina
  12. I forconi sono nati in Sicilia.so che sei passata, ciao

    RispondiElimina
  13. no, è che invece io sento sempre qualcuno che inevitabilmente dice "ha fatto bene".

    RispondiElimina