Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

mercoledì 16 giugno 2010

Change


Doveva cambiare.
Era la sua unica certezza.
Voleva dimostrare che non era vero che se uno nasce tondo non può morire quadrato.
Le intercessioni l'avevano forgiata d'esperienza e questo rappresentava di per sè un cambiamento.
Cominciò dai capelli, passò alle ciglia, e ad ogni pelo del corpo.
Tagliava e ricuciva.
Si mescolò le parti e cercò un modo diverso di rimettersi a posto.
Alla fine, dovette convenire che per quanto facesse, per quanto scambiasse, per quanto tagliasse e alterasse, rimaneva pur sempre l'ombra di se stessa.

22 commenti:

  1. Avrebbe dovuto tagliuzzare e ricomporre l'ombra...è l'unica parte di noi che non mente, alla luce del sole.

    RispondiElimina
  2. ...io cambierei il titolo con "chance"....potrebbe venir fuori una storia diversa, imprevedibile ed imprevista. A buon intenditor, del resto, poche parole.
    L'ombra non mi dispiace ma a momenti preferisco la luce piena anche con il rischio di un bel black out.

    RispondiElimina
  3. ricuci l'ombra e spicca il volo, come peter pan

    RispondiElimina
  4. PS come si fa a comparire al 13° posto nelle figurine dei follower (come l'automobilina in aeroporto con al culo un 747) qui accanto?

    RispondiElimina
  5. l'ombra mi piace perchè non ha mai compromessi.
    La luce pure perchè ti fa vedere le cose come sono!!

    RispondiElimina
  6. Mi si sono tarpate le ali amico mio...

    RispondiElimina
  7. per comparire basta cliccare il tastino segui e poi pigiare ancora segui pubblicamente...e magicamente, si appare!

    RispondiElimina
  8. magicamente dopo aver premuto il tastino mi chiede con quale account mi voglio segnare e lì mi cadono le braccia...

    RispondiElimina
  9. mi correggo, ricucite l'ombra e spiccate il volo, Signora mia...

    RispondiElimina
  10. La spontaneità del vostro commento rende auspicabile che io e Voi si passi al Tu!
    Che ne dite?

    RispondiElimina
  11. mmm,mi ricorda qualcosa..io che lascio il mio ex e mi tingo i capelli di rosso,io che dopo essermi fatta "spezzare il cuoricino" mi taglio fai-da-te i capelli cortissimi in stile sopravvissuta ad auschwitz..
    c'è bisogno di un cambiamento "visibile" per cercarne uno di tipo diverso,ma non sempre funziona..anzi..!

    RispondiElimina
  12. Dille che cambi estetista. (com'è che passando dal mio link finivo sempre sul post del 5 giugno? Pensavo non postassi più...) Ahah.

    espe

    RispondiElimina
  13. Infatti... ci sono dei cambiamenti ma per fortuna i miei adorati pescetti sono ancora qui ;)

    RispondiElimina
  14. quant'angoscia traspare, meno male che son nato maschio (stronzo quanto volete), spezzo cuoricini a domicilio (viene spontaneo) ma continuo con il VOI sempre spontaneo

    RispondiElimina
  15. Mars,
    tagliarsi i capelli è rendere visibile al mondo il nostro bisogno di cambiare.
    Il problema è che ci flagelliamo con oscene capigliature, quasi volessimo punirci di un fallimento.
    Masochismo cosmico unilaterale!

    RispondiElimina
  16. eheheh espe...hai linkato quel post e li tornavi!
    Che è vero che il web è una mano santa, ma non è suffragata da intelligenza autonoma!

    RispondiElimina
  17. dautre...e meno male!
    I miei pescetti sono morti da un pezzo, ma per il motivo inverso, ovvero non cambiavo loro l'acqua...piccole dimenticanze.
    In fondo inconsciamente sono un'assassina!

    RispondiElimina
  18. nonsò, anch'io nella prossima vita nascerò maschio...voglio proprio vedere l'effetto che fa!

    RispondiElimina
  19. Ci si prova, a cambiare. E non sempre va bene.

    RispondiElimina
  20. o non sempre ci si riesce evaso.
    Io, per esempio, reitero e non imparo mai, per cui se sbaglio, continuo a compiere gli stessi errori.
    Una babba totale!

    RispondiElimina