Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

mercoledì 29 febbraio 2012

Xibom bombom

Adoro avere la battuta pronta.
Ma non mi succede mai.
Quell'unica volta in cui accade, so già che il giubilo e il tripudio soddisferanno l'ego per giorni.
Così ripenso a ieri, mentre in coda al super, la tipa mi ha sbattuto contro perchè aveva dimenticato le gomme da masticare e mi ha risbattuto contro per tornare a pagare.
Io, senza rendere visibile la collera che stava prendendo il sopravvento e con tono apparentemente serafico, l'ho guardata e le ho chiesto in quanto tempo pensava che il termine "permesso", avrebbe fatto la sua prima apparizione nel vocabolario.
Purtroppo credo non l'abbia capita.
A volte essere sottili ha i suoi svantaggi.
Un "e che modi!", magari anche un po' urlato, avrebbe sortito effetti più soddisfacenti.

(xibom bombom - as meninas)

(il titolo e la canzone non c'entrano una fava, ma mi mette allegria ogni volta che la sento e nel video c'è comunque un eloquentissimo gesto dell'ombrello che, a mio avviso, non nasce con lo stesso significato che gli daremmo noi, ma chi se ne frega!)

Piccolo aggiornamento odierno:
Sono tre giorni che per venire a Beinasco, lungo il curvone di Corso Orbassano sono ferme file e file di camionette di ogni tipo di forze dell'ordine che  innescano inesorabilmente code chilometriche di curiosi rimbambiti.
Rivolgendomi ad uno di loro mi è sfuggito un "vai avanti coglione e se ti piacciono tanto le macchine dei carabinieri comprati le miniature"
Ma avevo il finestrino chiuso e la battuta si è spenta sul tappetino tra il freno e la frizione.

16 commenti:

  1. Sicuramente non l'ha capita! Altrimenti avrebbe detto "non mi serve il permesso di soggiorno!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Conte.
      Tu sai come aiutare a non far scendere ai minimi storici la mia autostima.

      Elimina
  2. Che vuole capire?? Mi rincuora sapere che i cafoni sono dovunque. Poi boh.. alla fine vivi nella mia stessa città. [mi auguro per te di no]

    RispondiElimina
  3. Che vuole capire?? Mi rincuora sapere che i cafoni sono dovunque. Poi boh.. alla fine vivi nella mia stessa città. [mi auguro per te di no]

    RispondiElimina
  4. Che vuole capire. Mi rincuora sapere che i cafoni sono dovunque. Poi boh, vivi nella mia stessa città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cero che sono ovunque ma quando ti capita di averci a che fare il fastidio della loro maleducazione punta a far esplodere la parte peggiore di te.
      Almeno a me capita questo.
      Anche tu di Torino?

      Elimina
  5. Appena approdata qui, hai il sottotitolo più bello che abbia mai letto (so che la frase potrebbe dare adito ad interpretazioni, ma io volevo dire che...si, era un complimento)
    A presto
    NB: le code sono un microcosmo in cui accadono cose che vuoi umani.. comprese le toccate di culo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta.
      Grazie.
      Il sottotitolo nasce da una doverosa precisazione, in quanto molti pensavano di riconoscersi in certi miei personaggi peraltro chiamati impossibili.
      Ad alcuni piaceva pensare che avessi tempo da perdere dedicando loro determinati post.

      E' vero signora mia, accadono cose terribili.
      Ma la palpata al culo giuro che mi manca.
      Che non abbia un culo apprezzabile?

      Elimina
  6. io le avrei detto: "ah signò, un'altra botta e godo" =D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...
      Ma io non sono masochista.
      Magari era lei una sadica.

      Elimina
    2. sarebbe stata la battuta pronta :P

      Elimina
  7. embhè ... ridiamoci su per non piangere... eheh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si si.
      Che per piangere c'è sempre tempo!

      Elimina
  8. "piccolo aggiornamento odierno"...

    battuta troppo fine, non l'avrebbe capita =D

    RispondiElimina
  9. Amore, secondo me la tipa al super non sapeva proprio cosa fosse un vocabolario, quindi la tua battuta era pronta...lei invece non lo sarebbe stata comunque (il che non esclude che io mi stia sbagliando e invece quella sia una che legge moltissimo, tipo tutte le etichette di quello che compra al super, gomme da masticare comprese) mentre il coglione doveva essere un vero collezionista di miniature (i trenini, le automobiline, il suo cervello...) ;)

    RispondiElimina
  10. Le persone, normalmente, le uniche battute che capiscono sono quelle col cric. (toh, una battuta...)

    RispondiElimina