Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

lunedì 2 luglio 2012

L'ombelico del mondo

Essere banali rientra, di fatto, nella naturalità delle cose.
Riuscire ad essere brillanti in maniera universale, è materialmente impossibile, non foss'altro per il fatto che ciò che è noioso per alcuni, non lo è per altri.
Anche a me capita di annoiarmi.
Difatti laddove succede ch'io legga cose che mi ammorbano, passo e vado.
Oppure, se la persona ce l'ho di fronte, o la situazione è estremamente pesante, trovo un modo per andarmene
Capita che far parte della moltitudine sia più naturale.

Se poi vogliamo discutere sui veri problemi che esistono e dei quali dovremmo occuparci invece di perdere tempo a scrivere cagate, beh, allora ognuno di noi dovrebbe prendersi la responsabilità di avere la serietà e l'integrità di farlo.
Io sono una cazzara e non mi prendo questa briga.
I problemi del mondo non li posso certo risolvere, del resto ne ho già abbastanza dei miei.

(post generato come sottoprodotto del sottoprodotto di un commento a "mamma che noia"   di mia_euridice)

34 commenti:

  1. Risposte
    1. lo sai che la cosa è reciproca...Magda!!!

      Elimina
    2. vabbè se non conosci il film, non puoi capire la battuta e io l'ho sprecata...

      Elimina
    3. Magda, tu mi adori? Allora vedi che la cosa è reciproca? :oP

      Elimina
    4. Uhm... mi prendi per il culo?
      ;)

      Elimina
    5. non mi permetterei mai, figurati, è che al momento non ho pensato al film di Verdone ;)

      Elimina
  2. e ora vado, che la sarta m'ha finalmente cucito la tutina di Suppemmen che c'aveva un buco giusto tra i maroni a furia di grattarmeli... e vado a salvare il mondo.
    (giusto per ridere ne!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah
      Se ti avanza della stoffa e hai bisogno di un'alleata faccio wonder woman!

      Elimina
    2. mmmmm... certo che ti mimetizzi bene quando togli il costume XD

      Elimina
  3. Che a pensarci bene, infatti, quanti di quelli che sbandierano l'impegno a parole poi lo portano avanti nel concreto? O ancora, quanti fra quelli che si occupano dei problemi del mondo lo fanno quasi esclusivamente per non pensare mai ai loro? (che se non stiamo bene con noi stessi almeno un po' -e non è affatto egoismo- è difficile fare del bene sincero a chicchessia o contribuire davvero a risolvere qualsivoglia di serio...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi è dato di sapere.
      So che io non ho le possibilità.
      E quindi, sdrammatizzo scrivendo cazzate e affini.
      Il mondo non si ricorderà di me?
      Beh, non è certo il mio compito farmi ricordare dal mondo.
      A me basta che ci sia qualcuno disposto a farlo.

      Elimina
    2. Come noi che si passa dalle tue parti perchè si sa che non scrivi cazzate (il mondo non lo capisce? Affari suoi) ;) E guarda che i supereroi non devono mai rivelare la loro identità segreta...io posso mantenerlo il segreto, ma ti puoi fidare di altri? :)

      Elimina
    3. minchia, mi stai dicendo che ormai mi sono sputtanata a vita?
      ;))

      Elimina
    4. Eh, stai correndo un bel rischio...anche se lo sanno tutti che il rischio è pane quotidiano per dei superdotati come noi! ;D

      Elimina
    5. Giuseppe, "supereroi"... AH AH

      Elimina
    6. Riccardo, superdotati nel senso di dotati di superpoteri...cos'altro avrei mai potuto voler dire? Ehm... XD XD

      Elimina
  4. Mi tocca scriverci un post.. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ullallà
      un sottoprodotto del sottoprodotto del sottoprodotto???
      :)

      Elimina
    2. qui il made in china ci fa' un baffo =D

      Elimina
    3. Sei tremendo tu!!! Sempre con me ce l'hai?
      Ovunque vada, mi giro e sei dietro a commentare.
      E che diamine!!:-D

      Elimina
    4. Sara??? anzi, ** Sara ** ?? =D
      che t'ho fatto? ^_^
      ho semplicemente "inquadrato" il sottoprodotto del sottoprodotto del sottoprodotto... cioè una "cinesata" XD

      (ho visto il tuo sorrisone ;D )

      Elimina
  5. Macchè scherzavo. Facevo l'idiota come sempre :-) ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè, io ci sono caduta con tutte le scarpe!!!!

      Elimina
  6. Questa storia dei "post generati come sottoprodotti" mi sa molto di outlet. Non in senso di scarto, non mi permetterei. Quando per l'affare a poco sforzo: uno spunto da niente, un pensiero comprensibile, tre righe ben formulate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, a me pare molto carino che da un confronto esca un confronto ad un confronto.

      Elimina
  7. A quanto pare abbiamo lanciato una "tendenza".
    Vai, che stavolta diventiamo ricche, famose e pure "gnocche" (che non guasta mai...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la gnoccagine è direttamente proporzionale, siamo sulla buona strada.
      Dubito che potrei asprirare ad altro!
      ;))

      Elimina
  8. effettivamente molti blog hanno un'aria di noiosità e preudointellettualismo che mi fanno preferire la lettura di wikipedia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero?
      Io ad esempio conosco in anteprima tutti gli episodi di Dexter.
      Ma poi me li guardo comunque!

      Elimina
  9. Ti ho citata ma tu non c'entri. La causa scatenante è altrove. Lo dico sennò pensi che sia impazzita, prima si poi no poi si.. Ciao Amour :-)

    RispondiElimina
  10. Dove?
    Che mi sono persa?
    Dimmi che tanto sono carica!!!!
    ;-)

    RispondiElimina
  11. Mah... penso semplicemente che vivremmo tutti meglio se imparassimo a prenderci meno sul serio ...
    :)

    RispondiElimina