Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

mercoledì 10 aprile 2013

Tutto il resto è noia

Esiste la crisi del "bloggatore"?
Dopo nove anni e dopo aver scritto tutto e il suo contrario, magari è pure lecito.
La fantasia scarseggia, le notizie non offrono buoni spunti.
Che io, per esempio, se parlo di politica ne parlo poco e male.
Che poi, questo mica è un blog di polemica.
E' pur vero che nessuno mi obbliga a dover scrivere per forza.
Ma se ti assenti per un po', la macchina s'inceppa.
Che se siamo qui e scriviamo è perchè desideriamo essere letti.
La storia "io scrivo per me" è una cazzata, altrimenti potremmo farlo come una volta, sulle agende e i foglietti.
Comunque è solo un post di servizio, per dirvi che non ho niente da dire.
Uffa!

29 commenti:

  1. A me piaci anche da muta. E non posso che darti ragione sulla stracazzata del IO SCRIVO PER ME.
    Io scrivo perchè ho un ego talmente ingombrante che non ci sto più dentro.

    FG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io volo basso di solito.
      Il mio ego è a misura d'uomo, ma mentirei se dicessi che scrivo per me sola.
      L'ho fatto per decenni, ho intere agende piene di scritti fitti fitti.
      E' un modo diverso.
      Qui ti rapporti con gli altri, li con te stessa.

      Elimina
  2. io ti leggo sempre. quanto alla storia "io scrivo per me", concordo in pieno con te e FG

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce lo so che mi leggi sempre.
      E pure io ti leggo sempre.
      A volte non ti capisco, ma quando ti capisco ti commento pure!!
      :)

      Elimina
  3. io pure ti leggo sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ti leggerei se scrivessi.
      :P

      Elimina
    2. Conosco i miei limiti.
      Se vuoi però posso donarti la ricetta del perfetto matrimonio ;o)

      Elimina
    3. si, è una prescrizione medica.

      Elimina
    4. ne ho parlato col mio medico.
      Mi ha guardata come evaso quando parla con Alberto.
      E se non capisci, leggi qua: http://exc-repetitaiuvant.blogspot.it/

      Elimina
  4. Però anche quando non hai niente da dire lo dici bene! :)

    RispondiElimina
  5. Ohi
    Dopo nove anni che scriveggi... non ti concedi qualche lentezza, qualche comoda porzione di accidia?
    Ma che pischella sei? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anfatti.
      E' che poi mi prende la nostalghia!

      Elimina
  6. io scrivo per me. E anzi, mi sta sul culo che la gente venga a leggere il mio blog.

    Ma non ho ancora capito come settare le impostazioni della privacy di Blogger...

    RispondiElimina
  7. Nessuno scrive per sé.
    Se così fosse, scriveremmo in un quadernetto che terremmo chiuso a chiave in un cassetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      L'ho fatto per anni.
      Pensieri comunque incondivisibili.
      Non lo faccio più.
      Non ho più nulla da dirmi!

      Elimina
  8. quello che scrivo mi piace, altrimenti i due blog manco sarebbero aperti. Desidererei che qualche "artistone" si accorgesse delle stronzate che pubblico. Ci sono stati/e blogger che hanno chiuso, altri/e che hanno sospeso il tutto per ragioni personali (di stanchezza o quant'altro), e poi altri/e che postano sempre le stesse cose. Può capitare di non aver nulla da dire e in questi casi la scelta "silenziosa" è la più consona, ma può succedere che certi avvenimenti possono colpirci e allora è giusto "sputare" un'opinione. In questi giorni fluttuo tra il "non so cosa dire" e "avrei qualcosa da dire ma non la dico"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto ci prende la noia, il malessere.
      Che di cose da dire ce ne sarebbero ogni giorno.

      Elimina
  9. Beh, in attesa che ti venga in mente qualcosa di nuovo da dire io per sicurezza rimango nei paraggi... ;)

    RispondiElimina
  10. apprezzabile che quando una non ha niente da dire non dica nulla... pericolosissimo il viceversa!

    RispondiElimina
  11. Io sinceramente scrivo ANCHE per me...
    Perché se scrivessi su un'agenda non potrei leggere opinioni altrui, non avrei un feedback...
    Comunque scrivi quando vuoi, tanto noi non ci muoviamo! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ma ci sono cose che non scriveresti mai qui.
      Ci sono cose che sono talmente intime da essere troppo personali per essere condivise.

      Elimina
  12. Se consideri che di politica non ne sanno parlare (e soprattutto la fanno da schifo) anche quelli che (teoricamente) la fanno "di lavoro", non vedo perchè dovrebbe saper parlarne uno che di lavoro non la fa. Per cui, dì quello che ti pare e dillo come ti pare, tanto peggio di chi è lì non fai di sicuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente.
      Allora, quando sarà il caso, provvederò senza alcuna remora!

      Elimina
  13. Hahahahaha!
    "Scrivo per me stesso!" diceva il tizio con lo scalpello e il martello in mano mentre, con colpi ben assestati, eternava i suoi pensieri nell'imperitura roccia.

    RispondiElimina