Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

giovedì 27 ottobre 2011

Driving in my car

Il linguaggio dei segni è fondamentale anche per chi non ha problemi d'udito.
Se sei nella condizione di non farti capire attraverso le parole, hai a disposizione moltissime altre cose che ti danno la possibilità di renderlo fattibile.
Con tutto questo puoi svolgere qualsiasi attività nel silenzio più assoluto.
Perfino litigare.
Ecco come questo linguaggio universale, che non ha bisogno di traduzioni, può essere applicato nel quotidiano:
Personaggi e interpreti
- un tizio  testa di cazzo, pertanto da qui in poi tdc, che dalla corsia centrale vorrebbe insinuarsi su quella di destra
- amour che viaggia già di suo sulla corsia destra e che non si è minimamente  avveduta della presenza di tdc ed ha continuato per la sua strada
- mani, labiale, linguaggio del corpo ed espressioni del viso in ordine sparso.
Svolgimento
Tdc: riesce a spostare il mezzo tra le corsie mettendolo esattamente dietro quello di amour, ed intraprende il suo dialogo muto; mano aperta e leggermente rivolta in avanti, faccia rincagnita e lampi dagli occhi.
amour: mano chiusa a conchetta, pollice a chiudere sulle altre dita, movimento verticale del polso, labiale determinato
tdc: labiale altrettanto inconfutabile dito che picchietta la tempia destra.
amour: da vera contessa, terzo dito, uno a caso e ciao ciao con la manina.
tdc: esplosione della giugulare
amour: espressione vittoriosa e gaudente mentre gloriosamente prosegue verso la sua meta.





30 commenti:

  1. La prima frase dice tutto: "Il linguaggio dei segni è fondamentale anche per chi non ha problemi d'udito." !!!!

    RispondiElimina
  2. Uh!
    Io pensavo che l'immagine dicesse tutto!!!
    :)

    RispondiElimina
  3. che motivo c'era per questo dialogo muto? Lo aveva messo giusto proprio dietro a quello di amour...

    RispondiElimina
  4. nonsò, la follia per esempio.
    Se ci fosse stato uno sgarro mi sarei scusata, ma neppure io ho capito perchè quest'esaurito si sia incarognito.

    E comunque, si parlava di mezzi di trasporto!!

    RispondiElimina
  5. il problema è che ora c'è anche il pericolo che la cosa possa degenerare... con tutti i pazzi che ci sono in giro :-(

    RispondiElimina
  6. Riccardo, ne sono consapevole.
    Infatti se non mi sento più che sicura evito qualunque polemica, anche a gesti!

    RispondiElimina
  7. e poi si puo' sempre sputare...

    RispondiElimina
  8. alpe, il rischio è che ti rimbalzi sul finestrino chiuso!

    RispondiElimina
  9. ah ah sputazz-indietr ah ah

    RispondiElimina
  10. Ti stimo. Io sono uguale,ma alle volte abbasso anche il finestrino per usare proprio tutti i linguaggi. La tipica parola che mi esce dalla bocca è: "Oh ma sei rincoglionito?!".

    Prima o poi mi pestano.

    RispondiElimina
  11. AH MA ALLORA SEI TU QUELLA DI IERI???

    ah ah scherzo ne!

    RispondiElimina
  12. Che spasso!
    Credo che l'auto e il guidare siano i due momenti in cui il lato più feroce, carogna e infame di me viene alla luce. Una valvola di sfogo emotivo non indifferente.

    P.S. Avrei voluto vederti!

    RispondiElimina
  13. beh, niente di più esplicito e chiaro :O)

    RispondiElimina
  14. comunque volevo solo dirti che hai un fanale dello stop che non funziona...

    RispondiElimina
  15. Eh tesoro...io che giro x il raccordo di Roma ti posso dire, se puó consolare, che ne sento e vedo ogni giorno che nn ci faccio più caso...e spesso, guardando queste scene al limite del patetico, gente che si insulta ferocemente, verbalmente e non, la domanda che mi pongo, ancora con un sonno bestiale, un tot di ore di lavoro davanti, gli occhiali da sole chediolibenedica, è "ma come je và?"

    RispondiElimina
  16. Vio, l'ultima persona che mi aveva detto ti stimo, è una compagna di scuola di diciassettenne pargola!
    :)))

    RispondiElimina
  17. euri, credo sia un passaggio obbligato per evitare l'esplosione di rabbie represse!

    Meglio di no, quando sono così non è che sia un bello spettacolo!

    RispondiElimina
  18. Riccardo, se eri tu, sappi che ti odio!

    RispondiElimina
  19. Agnese, nevvero?
    E so dire un sacco di altre cose!
    Anche più carine, ma anche no!

    RispondiElimina
  20. Mauro, e c'è bisogno di fare tutto sto cine???
    :))

    RispondiElimina
  21. Pam, ce pija che io non so resistere a personaggi così.
    Perdo ogni cognizione di causa e diffondo ira nell'aere del mio abitacolo.
    Scarichi adrenalina e rabbia.
    Diciamo che è terapeutico!

    RispondiElimina
  22. no Amore tranquilla =D

    RispondiElimina
  23. Veramente ero io che richiamavo la vostra attenzione visto che mi ero sobbarcato un viaggio lunghissimo per venire a trovarvi.

    RispondiElimina
  24. impossibile...voi siete un uomo galante.
    Quello era un uomo di merda!

    RispondiElimina
  25. ciao tesoro, sto per spegnere il P.C.I. il personal computer italiano. Come stai?

    RispondiElimina
  26. Fabri, sto!
    Come sempre.
    Combino casini e scalo montagne!

    RispondiElimina
  27. Quando un uomo litiga con una donna per questioni di viabilità in realtà cerca solo una scusa per conoscerla. (Forse)

    RispondiElimina
  28. Com'era? Donne al volante... vabbèh, parlo io che guido da cani! :)

    RispondiElimina