Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 18 ottobre 2011

My name is Luca

Caro Luca,
se credessi nella beatificazione dei nomi e dei suoi portatori originali, oggi ti farei gli auguri.
Ma così non è e non sarà mai.
E dire che mi volevano badessa, ma non sapendo badare a sè stessi, non seppero cogliere la mia ribellione a tempo debito.
Ma non volevo parlare di me.
Ho saputo per vie ufficiose, che coronerai il tuo sogno d'amore eterno giurando che sarà per sempre, giacchè neanche la morte pare essere in grado di dividervi.
Del resto è normale che due giovani possano andare incontro alla conoscenza del confronto quotidiano oltre le soglie dell'opportuna convivenza ormai stretta e relegata al suo ruolo.
E poi, la cerimonia, i fiori, i regali, la casa.
Ci sarà tempo per entrare nello stantio, per combattere i luoghi comuni che accompagnano e segnano le coppie.
E' giusto crederci e tentare di cambiare, nonostante l'esperienze non riescano a rinnovarsi ed essere stelle in un firmamento immoto.
Vorrei augurarti felicità, ma non posso respingere il dolore di quelle cicatrici con le quali mi segnasti.
Resterò l'immobile figura retorica di sempre.
Resterai relegato nella tua insoddisfazione per sempre.

Erentrude






23 commenti:

  1. "Resterai relegato nella tua insoddisfazione per sempre."
    Mi hai suggerito un augurio da fare a qualcuno.... grazie.

    RispondiElimina
  2. Bella mi è venuto in mente lo stesso pensiero :)))
    è un finalino niente male.

    RispondiElimina
  3. Ma esiste sul serio una che si chiama Erentrude?

    RispondiElimina
  4. una constatazione di fatto! spesso combaciano con le maledizioni...

    RispondiElimina
  5. erentrude, luce delle mie orecchie, soffice lingua delle mie dita, che ne diresti di rivedere il titolo, a Vega suona un po' male..

    RispondiElimina
  6. nonsò, ne approfitti pure mio caro signore è un piacere e un privilegio esservi d'aiuto!

    RispondiElimina
  7. euri, che si chiami adesso, non credo, ma un tempo ci fu... vedere per credere: http://www.santiebeati.it/dettaglio/59990

    RispondiElimina
  8. demian, l'ho corretto per i vegani che altrimenti mi entravano in guerra con i siriani (quelli di sirio, intendo)

    RispondiElimina
  9. Orsù, dopotutto il matrimonio è tutta questione di diritti e dov'eri.[baci ammmmora mia]

    RispondiElimina
  10. Nast, dov'eri e i rovesci dei diritti.
    Baci mia tessssora

    RispondiElimina
  11. a però, qui mi sa che neanche le grattate servono a qualcosa!

    RispondiElimina
  12. Luca è un nome che mi è quasi impossibile pronunciare, senza sembrare uno colto da un attacco d'asma fulminante. Erentrude invece, lo pronuncio benissimo.

    RispondiElimina
  13. stefano, ma perchè?
    Mica è una maledizione...

    RispondiElimina
  14. evaso, non avevo dubbi, infatti l'ho fatto sperando di semplificarti le cose ed evitarti un attacco d'asma!

    RispondiElimina
  15. Ho sentito
    che ti sei sistemato
    che hai trovato una ragazza
    e che adesso sei sposato
    ho sentito che hai realizzato i tuoi sogni.

    A volte dura, l'amore
    ma a volte, invece, fa male.

    (Someone Like You - Adele)

    RispondiElimina
  16. Lorenzo, d'ora in poi prima di pubblicare ti consulto, che c'hai sempre la canzone giusta!

    RispondiElimina