Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

lunedì 17 ottobre 2011

Take on me

Sono diventata una riserva da cui attingere.
Questo post, l'ho trovato qui, qui, qui, qui, e qui con l'aggiuntina di quest'altro.
E mi limito a questi perchè mi sono saltati all'occhio, al naso e all'orecchio destro che il sinistro l'ho chiuso perchè non fosse anche lui costretto ad ascoltare gl'improperi che andavo pronunciando.
Ora, sono a conoscenza del fatto che una volta messe in rete, le parole diventino un dono e uno se ne possa servire come fosse al mercato del pesce, ma quello che mi disturba è attribuirsene il merito.
Ma non ti senti un emerito stronzo?
Non ti vergogni neppure un po' a far credere di avere tutta questa meravigliosa sensibilità che non è tua ma che qualcun altro ha costruito?
Sei come un virus.
Ma tu lo sai come ci si sente?
Come se ti avessero svaligiato la casa e ti avessero pisciato sul divano.
E spero che prima o poi capiti anche a te.
E non parlo di prenderti uno scritto.
Del resto mica produci, tu rubi!


22 commenti:

  1. Se ti serve un buon avvocato fammi un fishio! Ma che tristezza poi ricopiare, almeno scrivessero dove le hanno prese!

    RispondiElimina
  2. Sono dei fottuti nerd senza un briciolo di fantasia...
    Guarda c'ho un diavolo per ogni capello che mi cade!

    RispondiElimina
  3. Massimo, avrei voluto evitare di ribadire un concetto già espresso, ma questo meccanismo perverso mi fa ribollire il sangue!

    RispondiElimina
  4. passo qui per caso, ho cominciato a leggere qualche tuo post e devo dire che sei proprio brava, perchè Le parole, quando sono sincere, sono l'anima e l'intimità di chi le porta dentro.
    Se leggi le parole, se le leggi davvero, scopri la bellezza e l'assurdo della persona che le scrive.
    Basta un minimo di sensibilità e lo sconosciuto che risiede dall'altra parte della luna, diventa il vicino che ti siede accanto.
    Ed allora capisci che puoi essere affine ad uno sconosciuto mille volte più di qualcuno che puoi vedere ma non ti ha mai aperto il suo cuore...
    Come una goccia che cade... quando il nostro interesse è vedere ciò che produrrà cadendo e non dove e come cadrà...

    RispondiElimina
  5. In questo mondo di ladri!

    Non ho mai nemmeno provato a cercare il miei post in giro per la Rete, so solo che quando avevo Rizoma di tanto in tanto qualche delatore mi denunciava i furti di ciò che scrivevo.

    Avevo scelto di non arrabbiarmi, cercavo di prenderla bene: se qualcuno copiava i miei post evidentemente trovava bello ciò che scrivevo.

    RispondiElimina
  6. Chi è lo stronzo che lo pesto?!

    RispondiElimina
  7. demian...e ce lo sapevo che mi avresti presa per il culo!

    RispondiElimina
  8. euri, non l'ho cercato, sarei dovuta andare indietro di una vita!!!
    E' capitato che lo trovassi allora ho approfondito la ricerca.
    Anch'io avevo scelto di smetterla d'incazzarmi, ma poi mi ribolle il sangue.
    Mi lusinga quando viene indicata la fonte, anche solo per conoscenza, ma quando ci si appropria indebitamente di qualcosa che non ci appartiene e ci si gongola dell'impropria capacità di scrivere i pensieri spacciandoli come propri, mi sale una carogna che non riesco a trattenere.
    Poi mi passa, ma nel frattempo esplodo un po'!

    RispondiElimina
  9. Vio, ce n'è più d'uno...hai preferenze o li pesti tutti?

    RispondiElimina
  10. No, nn ci credo. Mi sono un pò vergognata x loro. A dirla tutta. So che é difficile Amore, ma fregatene. Io, x quello che puó valere, adoro la tua sensibilità ed il modo in cui la metti nero su bianco. E mi piace l'originale, sempre. Le (brutte) copie si commentano da sole.

    RispondiElimina
  11. e tu scrivi delle cose tremende. scrivi cose che "magari le copiassero"

    RispondiElimina
  12. Se non vuoi essere criticato, scrivi su un diario cartaceo.
    Se non vuoi essere copiato, scrivi su un diario cartaceo.
    Se non vuoi essere letto, scrivi su un diario cartaceo.

    Altrimenti non puoi lamentarti :)

    PS: magari mi copiassero...

    RispondiElimina
  13. "Sei un nerd sappilo" è bellissima. :)

    RispondiElimina
  14. pam credici pure.
    Alla fine certo che me ne frego la notte continuo a dormire ci mancherebbe ma i rigurgiti momentanei di carogna devono trovare sfogo altrimenti gli acidi gastrici mi rovinano!

    RispondiElimina
  15. alpe e ce lo so che scrivo orrenditudini altrimenti farei la scrittrice famosa mica la bloggher!

    RispondiElimina
  16. ragno non ho paura delle critiche se sono costruttive e mi lusinga se vengo apprezzata e quindi copiata ma è l'appropriazione indebita che mi disturba.
    E poi, se scrivessi su cartaceo come farei senza i tuoi commenti bastardi?;-)

    RispondiElimina
  17. macs quando mono s'incazza tira fuori il meglio di sé

    RispondiElimina
  18. vio sapevo di poter contare su di te

    RispondiElimina
  19. Eh, pazzesco, un po' mi dispiace, un po' mi scappa da ridere e un po' mi viene da copia-incollare anche a me. Immagino il tuo post già scritto a pennarello sul sedile di un'autobus o su qualche smemoranda, firmato JIM MORRISON.

    RispondiElimina
  20. ...ricordi? c'erauna che scriveva e cancellava praticamente all'istante.
    La lavagna.
    "chi ha avuto ha avuto ecc ecc..."
    La proprietà intellettuale non è meno di quella materiale, anzi.
    Il ladro è ladro comunque e ovunque...
    e se qualcuno va in giro con le mie mutande almeno non le spacci per proprie!
    Però vedo che ti hanno messo tra madre teresa e mahatma gandhi e questo ti eleva.
    Hai troppa visibilità, vai in visibilio.
    Infondo...ti ci gongoli. (o ci ti gongoli?)

    RispondiElimina