Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

giovedì 6 dicembre 2012

Round round

Che capita, quando risiedi da pochi giorni in un comune senza conoscerlo, che volendo recarti in posta, ti capiti di arrivare, a piedi, in un posto diverso da quello che pensavi e speravi.
Così, quando ho chiesto al solerte vigile dove mi trovassi, mi ha guardata preoccupato che il mio alzheimer fosse di grado piuttosto avanzato.
Gli ho spiegato a grandi linee quale fosse il mio intento e il motivo della domandona, e lui e il suo collega, commossi, mi hanno accompagnata verso la mia meta.
Come in ogni posto che si rispetti, gli addetti al servizio postale sono assunti per grado di antipatia.
Cosa che mi fa ben sperare per il mio futuro occupazionale.
Ma forse, non sono abbastanza paraculata.
O meglio, non lo sono affatto.
Peccato, che io a diventare odiosa ci metto un nano secondo!

(round round - sugababes)

36 commenti:

  1. Ma poi sei riuscita a tornare a casa? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi, Cristoforo Colombo o quell'altro... :O)

      Elimina
    2. Con Navigatore.
      Navigatore, figlio illegittimo di Cristoforo, invidioso delle gesta del padre che non volle riconoscerlo, si cimentò in imprese immaginifiche.
      Con una penna gigante blu, tracciava linee sui percorsi che compiva così era certo di trovare la strada per tornare.
      Per non confondersi, al ritorno, cancellava la linea.
      Un giorno intraprese la via delle americhe.
      Con cognizione di causa, visto che erano già state scoperte.
      In molti provarono a spiegargli che per mare il pennarello sarebbe stato inservibile.
      Ostinato e vanaglorioso, partì comunque.
      Ovviamente, non tornò mai più!

      Elimina
  2. Capita, altroché se capita...
    Sbagliato, i postali sono assunti in base alla consunzione della lingua per il numero di chiappe leccate, l'antipatia è di serie...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, in quello non sono brava.
      Lo sapevo che bisogna eccellere in più di una cosa.
      Accidenti!

      Elimina
    2. A chi lo dici, a leccate sono messo proprio male, ma meno peggio di chi invece riesce a farlo, ma la mia dignità residua ringrazia sentitamente e tanto basta...
      Inoltre va considerato il fattore papillo-gustativo, metti che il tizio/a non si è fatto il bidet, il rancidino della m...a sulla lingua non è il massimo, soprattutto stona con il gusto del mojito o del Martini...
      Tempo fa la "postina" che ha avuto la "fortuna" di conoscermi,dopo un'attesa biblica, durante la quale si è esibita nel meglio del meglio del fancazzismo cosmico, non ultimo la ricerca del cappero perduto; sentita la mia "educata" opinione su di lei e Poste Italiane, stava per chiamare i Carabinieri, chissà perché, forse voleva autodenunciarsi...

      Elimina
  3. Ah la posta.. quando sono in fila generalmente sono aperte 4-5 casse su 14. Le altre son chiuse con relativi addetti in fase cazzeggio libero, così io inizio a brontolare piano. Tempo venti secondi scatta il vecchio di turno con bestemmie e proteste di varia natura. E io fomento di più affinché qualcuno venga a dire a questi automi di darsi una mossa. Però i vecchi sono geniali, fanno tutto il lavoro sporco senza che tu glielo chieda. Secondo me la poca voglia di lavorare é la prima discriminante per diventare addetto delle poste. L'antipatia é solo al secondo posto. Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita spesso anche a me di assistere a scene d'isteria collettiva e giustificata, negli uffici postali.
      Ricordo che un giorno un tipo, piuttosto giovane, cominciò ad inveire contro l'impiegata.
      Fin qui tutto bene.
      Cagò fuori dal vaso nel momento in cui, volendo stupire con effetti speciali, si vantò di possedere svariati milioni di euro e che quindi, non era giustificato tutto il tempo che stava perdendo.
      Nel silenzio generale, una vocina, la mia, si alzò in mezzo alle urla dei due litiganti, per chiedergli se fosse scapolo.
      Risatina generale e fine della storia.
      Sdrammatizzare è uno dei pochi modi che conosco per riportare la pace.
      Comunque sia, il presunto riccastro andò via sulla sua fiat uno turbo diesel targata TO.... e non parlo delle targhe nuove!

      Elimina
    2. Naaaaa, Fiat Uno tubbo dissel, magari col pastore tedesco di plastica sulla cappelliera che dondola il capoccione...
      un vero miglionario (la "gl" non è casuale)

      Elimina
  4. Scusate, ma per andare dove dobbiamo andare, per dove bisogna andare? Mitici Totò e Peppino a Milano, col vigile che li manda a quel paese. Fortunata tu! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ce lo sapevo io di essere nata con la camicia!

      :)

      Elimina
  5. Anche io mi sto ambientando. Di buono c'è che conoscevo già abbastanza il posto. E' il posto a non conoscere me!
    Rido...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece io non lo conoscevo affatto.
      Ed essendo piuttosto circolare, faccio fatica a capire i punti di partenza e di arrivo.
      Fortuna che ho un buon senso dell'orientamento.
      E un ottimo navigatore!

      Elimina
    2. "Invece io non lo conoscevo affatto" ma quindi...
      sei andata li... a casaccio? o_O
      hai preso la cartina del nord e ad occhi chiusi hai puntato il dito? ^_^

      Elimina
  6. Futuro occupazionale e posta sono due parole che in teoria vanno d'accordo. Gente che ha il suo posto, il suo futuro garantito. Chi come noi fa del tramonto il futuro più remoto che si possa vedere sembra inguaiato ma è davvero fortunato. Mi godrò il tramonto di oggi come fosse l'ultimo, il mio contratto scade a fine mese, dal primo gennaio mi occuperò di questa faccenda. Prima non ho tempo, devo godermi il presente occupazionale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche con addetto comunale, non sta così male.

      Ora, io non vorrei sembrare razzista, che sono abbastanza meridionale per non esserlo, ma vorrei capire, come cazzo è che in un discreto numero di uffici postali e/o comunali, senti parlare napoletano, piuttosto che calabrese.
      E mi chiedo ma in Campania e in Calabria, gli addetti sono Piemontesi e/o Lombardi?
      No, solo per capire

      Elimina
    2. Per dirla con i paesanuzzi, "è un caso, vogliamo discutere pure sulle casualità?", infatti è un caso che al paese che non è mio, ma della mia consorte, l'ufficio postale ha una vetrina, due sportelli e... quindici (15) dipendenti, dei quali nessuno fa la gara per servire i clienti...
      e poi stiamo a chiederci come mai esiste la lega?
      NO COMMENT

      P.S. non sono leghista tantomeno razzista e adoro il sud, taluni abitanti del sud un pò meno...

      Elimina
  7. oh cazzo.... mi hai fatto ricordare che devo pagare l'imuuuuuu!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in qualità di persona odiosa o per aver citato la posta?
      :P

      Elimina
    2. io vado in banca.... ma che odiosa!!!??? tu sei amore..

      Elimina
  8. ma i giorni festivi non si commenta? Sticazzi che sfiga, quando ho un po' di tempo libero in giro non trovo un pelo di fica. Sta cazzo di Cgil sta iniziando a starmi sulle palle....Buona domenica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' che c'abbiamo tutti qualcosa di meglio da fare...
      Beh, magari tutti tutti, no.
      Che t'ha fatto la Cgil?

      Elimina
    2. Io invece il fine settimana lo dedico al completo relax. Un po' di internet, la moto con sopra mio figlio, la campagna, un po' di amici, ma pochi pochi sennò mi rompo le balle....niente ristoranti o derivati perché odio la confusione e principalmente il mio gatto! Quel gatto mi ha cambiato, eh si..mi ha cambiato veramente! Buon inizio di settimana....

      Elimina
    3. La Cgil? Per via del riposo settimanale. Si vede che siete tutti....comunisti. :-)

      Elimina
    4. Io vado Amore, magari questa sera mi collego con il cell per vedere cosa hai scritto!

      Elimina
    5. Ora ti svelo un segreto: noi comunisti, siamo come babbo natale.
      Abbiamo smesso di esistere nel momento in cui siamo diventati abbastanza grandi per capire che un sogno resta un sogno.

      Elimina
  9. Io quando mi sono trasferito qua, che è un posto di diecimila anime, la prima volta che c'era il mercato ed avevano bloccato tutti gli accessi alla via dove abito, mi sono perso. Allora ho trovato un vigile e gli ho detto che dovevo andare a casa. Lui mi ha detto: anch'io ci devo andare, quando ho finito il turno. Poi siamo diventati amici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dubito che io, vigile e collega diventeremo amici.
      Probabilmente non ci rivedremo mai più.
      Che va bene, tutto sommato.
      Con le forze dell'ordine ho qualche problema relazionale, vivo come uno stato d'inadeguatezza.
      Non subisco il fascino della divisa, anzi.

      Elimina
    2. Ma potresti sempre indossarne una! Immaginati nei panni della vigilessa Alessandra, severa e implacabile con l'automobilista indisciplinato (punti tolti alla patente, punti aggiunti di sutura)... :)

      Elimina
    3. effettivamente sarei una merdaccia contro chi abusa dei propri mezzi.
      Ma è davvero così evidente?

      Elimina
    4. Beh, ma con gli stronzi che abusano dei propri mezzi è evidente che non ci sono altri metodi veramente efficaci (è essere paladina di giustizia, non merdaccia) ;)

      Elimina
  10. Accidenti, sei tu....ti ho trovata per puro caso.
    Certo che di tempo ne è passato, ma tu hai sempre una testolina interessante. Non hai affatto perso la tua ironia, che poi è quella che ci salva dalla merda di questo Paese.
    Leggo che hai cambiato città...e chissà quante altre cose nuove avrai fatto.
    Comunque è stato un piacere rileggerti.
    Ciao...CARLO (alias fosco6)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uèèèèèèèèèèèèèèèèèè.
      Eppure mica mi ero nascosta.
      Che piacere ritrovarti.
      Si si, sto facendo grossi cambiamenti nella mia vita, ma io resto sempre la solita eterna cazzona e cazzara.
      Un bacio.

      Elimina