Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

lunedì 7 novembre 2011

Respect

Ti alzi al mattino e nulla fa presagire al futuro.
Magari le nuvole nere potevano essere un indizio utile, ma tu pensi che il cielo e te non abbiate molto in comune, quindi l'osservi senza prestarci molta attenzione.
Così, come tutti i giorni, ti rechi in quello che credi essere il tuo posto di lavoro, salvo poi scoprire che non lo è più.
Non avendo propriamente un contratto a norma col tuo datore, e non avendo neanche a portata di mano la sua faccia per sferrargli un cartone sul muso, insacchi e te ne vai, consapevole di aver fatto bene il tuo lavoro e di averlo in qualche modo, sprecato con la persona sbagliata.
E quello che ti fa più incazzare è sapere che gente così, avrà sempre la meglio sulle persone che agiscono con correttezza e rispettano gli accordi, siano anche solo verbali.
Quindi si ricomincia, ci si rimette in gioco, si tirano fuori le unghie e le palle (le mie ormai hanno l'orchite) e ci si ributta nella mischia tra i cercatori d'oro.
Il lavoro come il Klondike.
Cerco la mia numero uno.


20 commenti:

  1. Mi spiace tantissimo, davvero.
    In bocca al lupo, le palle vanno tirate fuori tutte le volte che serve!!

    RispondiElimina
  2. oh!!!! Cosa dici? Non è una metafora? E' davvero così?

    RispondiElimina
  3. PRxt, c'ho l'abitudine ormai.
    Crepi il lupo una volta per tutte!

    RispondiElimina
  4. Only, no, stavolta nessuna metafora...purtroppo!

    RispondiElimina
  5. e adesso mi rimbocco le maniche e mi rimetto alla ricerca!

    RispondiElimina
  6. Amore mi dispiace davvero... :'(

    RispondiElimina
  7. mio nonno diceva sempre che è meglio andà a lavorà con chi non te paga che con chi non te capisce...ma io ancora non ho capito perchè bisogna SEMPRE accontentarsi di una delle due alternative...

    RispondiElimina
  8. Mi dispiace tanto, ti auguro di trovarne prestissimo uno migliore!

    RispondiElimina
  9. milioni di anni di evoluzione... per coprire la luna col soffitto.

    RispondiElimina
  10. Capisco perfettamente cosa stai provando e pensando. Hanno fatto lo stesso con me un anno fa.
    D'altro canto: tutti siamo importanti, nessuno è indispensabile. Nemmeno loro. No?

    RispondiElimina
  11. Mi dispiace Amore davvero, sono anche io in un periodaccio al lavoro, e x me è questione di giorni, vediamola così, come dice un mio caro amico " mal comune doppia sfiga". Buon tutto, andrai a migliorare, nn ho dubbi, ti abbraccio

    RispondiElimina
  12. Madddio...Mi spiace...Sappi che ti sono vicina...Pure io in 10 anni avrò cambiato 10 lavori...Certa gente non merita neanche un saluto,merita solo di affogare nella propria merda...

    RispondiElimina
  13. Certa gente merita solo un proiettile in mezzo agli occhi

    RispondiElimina
  14. All toghether, grazie della solidarietà a tutti, a chi mi ha scritto messaggi privati, a chi mi ha mandato mailzzzzz.
    Il mio amico Macs, mi dice sempre che ho le spalle larghe ed è vero, grandi spalle e grandi palle.
    Prima o poi ne verrò fuori, del resto, finchè c'è vita c'è speranza!!!

    RispondiElimina