Leggere attentamente


ogni riferimento a fatti e persone è puramente casuale, se qualcuno dovesse riconoscersi in tilla papilla bullo ti sbullo o sullo catullo o, riconoscere qualcun'altro, probabilmente è affetto da una forma degenerativa della coscienza, malattia che ancora non ha nome e chissà se mai lo avrà, e semmai dovesse averlo si correrebbe il rischio che qualcun'altro potrebbe riconoscersi nel nome di quella malattia, comunque, ritornando a questa forma degenerativa si consiglia agli affetti da tal malanno una buona dose di cazzi propri, da farsi naturalmente

martedì 29 novembre 2011

La differenza tra me e te

Cara Mestessa,
lo so che queste cose non vorresti sentirtele dire, ma lascia che chi ti conosce bene, una volta tanto, ti racconti davvero tutto sulla vita e ti dia qualche consiglio che dovresti marchiarti a fuoco sulla pelle.
Impara a contare prima di dire anche solo "grazie" o "prego" o "scusi" o "tornerò".
Essere impulsivi è autolesionistico.
Impara la sottile arte della diplomazia cerca di portarla a livelli superiori ai tuoi standard che non superano i -360.
Impara che ci sono volte in cui bisogna fingere di essere delle galline nel pollaio o gattemorte nel porcile e lascia, quando è il caso, che gli altri credano davvero che bionda sia sinonimo di stupida.
Impara ad essere mediocre quando è necessario che gli altri lo credano e sii sempre meno uomo di ogni altro uomo che troverai sulla tua strada, soprattutto se uno di questi potrebbe pagare il tuo stipendio.
Adula anche chi appenderesti al muro se può servire al tuo scopo, sii ipocrita quando è necessario e vestiti del tuo miglior viso durante il peggior gioco.
Questi sono solo piccoli accorgimenti anche se lo so che essendo nata tonda sarà difficile riuscire a trovarti addosso tutti questi angoli da smussare.
Ma lo faccio per te, perchè ti conosco da una vita e per quella che resta dovrò restarti a fianco mio malgrado.


Testessa.


31 commenti:

  1. questo è un saggio vademecum che servirebbe anche a me...

    RispondiElimina
  2. consigli che sarebbero appropriatissimi anche per me! ben detto, anzi, ben scritto!

    RispondiElimina
  3. S, ora che mi ci fai pensare, potrei produrlo in copia e distribuirlo a tutte le altre Testesse scontente delle proprie Mestesse in giro per il mondo!

    RispondiElimina
  4. Star, consigli di cui spero di farmi l'imprinting che altrimenti che mi parlo a fare?

    RispondiElimina
  5. vorrei tanto che anche la mia "mestessa" scrivesse un vademecum così lungimirante anche per me :(

    RispondiElimina
  6. Agnese, è che ogni tanto bisogna lasciarle libere di esprimersi.
    Sono l'unica parte saggia che abbiamo anche quando dicono fregnacce!

    RispondiElimina
  7. Riccardo"io"29 novembre, 2011 17:31

    perchè peggiorare?

    RispondiElimina
  8. é un po' che mi dico questo... difficile metterlo in pratica.

    RispondiElimina
  9. Riccardo"io"29 novembre, 2011 20:27

    @Bella, ma è quello che vorresti fare?
    cambiare te stessa? poi? ti sentiresti meglio?
    io non ce la farei... non farebbe parte di me...

    RispondiElimina
  10. Ma quante siete?
    E poi: quel gatto (gatta?) nella foto mi fa paura.

    RispondiElimina
  11. E io che pensavo di esser l'unico a soffrire di personalità multipla e concorrenziale....

    RispondiElimina
  12. Riccardo"io"30 novembre, 2011 07:58

    dimenticavo... IMHO :)

    RispondiElimina
  13. Riccardo, non è peggiorare è salvaguardia per il futuro!

    RispondiElimina
  14. Bella, purtroppo lo so, anche perchè non continuerei a ripetermi sempre le stesse cose come un mantra!

    RispondiElimina
  15. euri, ci siamo, io, me stessa, me medesima, l'altra me... spero di non dimenticare nessuna...

    RispondiElimina
  16. Ale, ma com'è che avete sta presunzione di essere gli unici???
    :)))

    RispondiElimina
  17. Riccardo"io"30 novembre, 2011 11:39

    Amore (posso ancora chiamarti cosi? )
    concordo, se ti riferisci a questa tua frase:
    "sii sempre meno uomo di ogni altro uomo che troverai sulla tua strada, soprattutto se uno di questi potrebbe pagare il tuo stipendio." :-)

    RispondiElimina
  18. Sottoscrivo ogni parola. Poi,mai chiedere scusa o ringraziare se non ce n'è davvero motivo. Se trovi l'uomo che ti paga l'affitto,me lo presti?!

    RispondiElimina
  19. Quando discuto con me stesso finisce sempre che ho torto.

    RispondiElimina
  20. Mestessa mi sta spesso sulle palle, ma quando Testessa si arroga il diritto di riprenderla allora mi inc@...xchè infondo mi piace e guai a chi me la tocca. Só contorta. Dio se lo sono;)

    RispondiElimina
  21. Ah, concordo, la gatta è inquietante, x un gatto però magari puó essere una bella topa (...?..volevo dire tipa ma lascio il lapsus xchè ci sta:)

    RispondiElimina
  22. la cosa preoccupante è che non è una gatta... è un gatto! ^_^

    RispondiElimina
  23. Riccardo, (del resto è il mio nome)
    Il pacchetto o si prende completo o si lascia.
    Non si accettano obiezioni!

    RispondiElimina
  24. Vio, non esiste l'uomo che ti paga l'affitto.
    Esisteva una volta, tanto tanto tempo fa.

    RispondiElimina
  25. Lorenzo, anche a me succede.
    Però almeno uno dei due ha ragione!

    RispondiElimina
  26. Pam, e vabbè ma verso una delle due bisogna essere tolleranti...

    Però, dai, sta troppo bene!!

    RispondiElimina
  27. Mauro ma scherzi vero...?!?! ;)

    RispondiElimina
  28. Riccardo"io"01 dicembre, 2011 17:41

    cosa si deve fare per le donne... :-D

    RispondiElimina
  29. Cara Mestessa o Testessa, che ormai mi sono confuso, quelli che ti dai sono ottimi consigli.
    Ma se li mettessi in pratica, non saresti più nè Testessa, nè Mestessa. Ti dico una cosa che già sai: quello che accade, il più delle volte, non dipende da noi. Ma da altri Testessi o Mestessi, ben meno lungimiranti di te (stessa)...

    RispondiElimina